logo san paolo
martedì 12 dicembre 2017
 
Lettera di un disabile
 

«Caro Renzi, ti do 15 alternative al ponte sullo stretto»

03/10/2016  Si chiama Iacopo Mielo ed è un giovane di 24 anni della provincia di Firenze, fondatore di #vorreiprendereiltreno. Lui che, come dice, vive con le ruote per terra, ma fa dei salti altissimi, ha scritto al Premier su Facebook per dirgli come potrebbe usare, meglio e per i disabili, i soldi del Ponte sullo Stretto di Messina.

Ciao Matteo, ti scrivo questo messaggio come si farebbe ad un amico. Spero tu non me ne voglia! Sai, non è passata inosservata la tua frase, ripresa più volte dai giornali, "siamo pronti!", in riferimento alla costruzione del Ponte sullo Stretto di Messina. Un tono assai consapevole che lascia scampo a pochi fraintendimenti circa la tua convinzione, che si tratti di pura campagna elettorale in vista del Referendum o di profonda decisione.

Appurato che, secondo me, il meridione avrebbe bisogno di ben altro (vedi lotta alla corruzione, alla mafia o a quell'evasione fiscale che tanto cerchi di sbandierare anche se alla fine, gli indagati veri, ce li ritroviamo ogni giorno in Parlamento), ho deciso di suggerirti ben 15 alternative che potresti finanziare con gli 8 miliardi (minimo!) preventivati per la tanto mitologica opera. Sono certo che già questa piccola lista renderebbe il nostro bel Paese su misura di più persone, diventando più civile e più inclusivo. D'altra parte è da tanto che noi disabili, e non solo, "siamo pronti"...

1) 533 milioni e 333 mila 333 SCIVOLI PER MARCIAPIEDI, utili a disabili ma anche a madri col passeggino, anziani o persone temporaneamente infortunate (costo medio 15€ al mq);

2) 363 milioni e 636 mila 363 ORE DI SOSTEGNO SCOLASTICO per una scuola che sia davvero “buona” (costo medio 22€/ora);

3) 53 milioni e 333 mila 333 PARCHEGGI PER INVALIDI in più nelle nostre città (costo max 150€ circa cad);

4) 16 milioni di RAMPE IN ALLUMINIO MOBILI, a norma CE e adatte sia a carrozzine che a ipovedenti, da distribuire ai negozi dei centri storici che non sono accessibili (costo max 500€ cad);

5) 8 milioni di SEDIE "JOB" da fornire agli stabilimenti balneari dei nostri bellissimi litorali (costo max 1.000€ cad);

6) 5 milioni e 555 mila 555 SEDUTE DI IPPOTERAPIA per la durata di un anno, ovvero un'ora a settimana, per bambini autistici (costo medio 30€/ora);

7) 1 milione e 600 mila CARROZZINE MANUALI per chi non può permettersene una (costo medio 5.000€ cad);

8) 615 mila 384 CANI GUIDA compreso ADDESTRAMENTO COMPLETO da donare ad una persona cieca o in carrozzina (costo medio 13.000€ cad);

9) 533 mila 333 PROTESI AGLI ARTI INFERIORI, elettroniche e super leggere, (costo medio 15.000€ cad);

10) 400 mila ASCENSORI da installare negli edifici pubblici o da donare in appartamenti con un "neo" disabile (costo medio 20.000€);

11) 320 mila IMPIANTI COCLEARI per bambini sordi fin dalla nascita (costo medio 25.000€ cad);

12) 266 mila e 666 AUTOMOBILI ACCESSIBILI, con PEDANE AUTOMATICHE di ultima generazione, da usare per il trasporto scolastico di ragazzini disabili (costo medio 30.000€ cad);

13) 166 mila 666 PROGETTI “VITA INDIPENDENTE”, potenziando quelli che già ci sono con ulteriori fondi (un contributo di 4.000€ al mese anziché 1.500€ di media);

14) 80 mila PARCHI GIOCHI INCLUSIVI, perché anche il divertimento è un diritto (costo max 100.000€ cad);

15) 20 mila AUTOBUS ACCESSIBILI da far circolare nelle nostre città (costo medio 400.000€ cad);

Caro Matteo, questi sono alcuni degli spunti che spero possano esserti utili soprattutto per capire che sì, costruire Ponti (in senso ideologico e umanitario) è di fondamentale importanza, ma ancor prima dobbiamo imparare ad abbattere i Muri. Perché per ottenere un'Italia su misura di tutti c'è ancora tanto, troppo da fare...

Un abbraccio da me, e dalla onlus Vorreiprendereiltreno con la quale ogni giorno cerchiamo di sensibilizzare (no profit) all’uguaglianza, per difendere i diritti di tutti.

E buon lavoro.

Iacopo Melio

PS: quello in foto sono io durante l'ultima edizione de "La Skarrozzata", una bellissima manifestazione dove abili e disabili girano in carrozzina per le città, dove la parola "empatia" è la protagonista e dove le differenze non esistono. Ecco, sulla mia maglia, che si può prendere sul sito della onlus per sostenerci, c'è scritto "DREAM MORE": perché nessuna barriera potrà mai imprigionare le nostre menti, e i nostri sogni. E se siete d'accordo con me, aiutatemi condividendo questo post (http://https//www.facebook.com/iacopomeliopage/posts/1427061333989370:0)!

I vostri commenti
16
scrivi

Stai visualizzando  dei 16 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo