logo san paolo
domenica 16 giugno 2019
 
Il Teologo
 

Il falso mito della trasparenza

06/03/2019  Stiamo perdendo o già abbiamo irrimediabilmente perduto il senso del “mistero” della persona umana (di Pino Lorizio)

Un fantasma si aggira nell’universo mediatico da qualche tempo: è il mito della trasparenza assoluta, invocata nei troppi episodi di corruzione, di violenza sui minori, d’ingiustizia, di prevaricazione, che popolano sui nostri monitor e sulle pagine dei nostri mezzi d’informazione. E l’incubo di questo mito mi fa venire in mente, oltre gli scontati riferimenti a Orwell e al “grande fratello”, un romanzo, diventato anche un film e pubblicato in Italia nel 2014 dalla Mondadori, intitolato Il cerchio, che ha come autore Dave Eggers.

La protagonista Mae Holland esclama di trovarsi “in paradiso”, allorché mette piede, grazie alla sua amica Annie, in un’azienda, leader nella gestione di informazioni sul web, che proclama la trasparenza assoluta dei suoi dipendenti, reclamandola per tutti, in particolare per i politici. Del resto, per lei, “la vita fuori dal Cerchio non è che un miraggio sfocato e privo di fascino”. Ma “se crolla la barriera tra pubblico e privato non crolla forse anche la barriera che ci protegge dai totalitarismi?”. Sarà il coma profondo di Annie a rivelare il limite posto alla conoscenza umana, di fronte all’insondabile mistero della coscienza: “guardò l’amica, il suo viso immutabile, la sua pelle lucente, il tubo nervato che le usciva dalla bocca. Aveva l’aspetto meravigliosamente sereno di chi è immerso in un sonno riposante, e per un attimo Mae sentì il morso dell’invidia. I medici avevano detto che probabilmente stava sognando, durante il coma avevano accertato una costante attività cerebrale, ma cosa succedesse esattamente nella sua mente era ignoto a tutti, e Mae non poteva fare a meno di provare un certo fastidio”.

Questo non sapere della scienza ci pone di fronte al mistero della vita e ci impone di non staccare la spina, perché non abbiamo accesso al livello di coscienza più profondo di una persona, anche qualora si trovasse a vivere nel cosiddetto “stato vegetativo” (orribile espressione, quando applicata alla vita umana), il che nulla ha a che vedere con l’accanimento terapeutico.

Stiamo perdendo o già abbiamo irrimediabilmente perduto il senso del “mistero” della persona umana, senso che resta latente e nascosto, così come il mistero di Dio (latens Deitas), che adoriamo nel sacramento e di cui riconosciamo le tracce nella natura e nell’animo umano. E se è anche vero che quidquid latet apparebit (ciò che è latente si manifesterà), questo accadrà alla fine dei tempi. Una fine che siamo chiamati anche ad anticipare, ma col perenne atteggiamento del rispetto e del pudore verso il mistero, nella consapevolezza che il giudizio umano è sempre tale e non può mai pretendere di sostituirsi al giudizio divino.

L’esposizione mediatica, la gogna come suol dirsi, anche del colpevole di efferati delitti (che vanno giustamente perseguiti a norma di legge), non può appartenere alla “grammatica dell’umano”, da più parti invocata, ma sempre più spesso disattesa. Così come non può rappresentare l’umano il mito della trasparenza assoluta. Lo ha ben compreso la sapienza della Chiesa, che affida la riconciliazione alla prassi della confessione auricolare, custodendola col segreto, che un prete deve osservare anche a costo della vita (vedi una delle motivazioni che si adducono per il martirio di san Giovanni Nepomuceno). La predicazione, la catechesi, l’annuncio dell’Evangelo oggi non possono pertanto prescindere dal richiamo al mistero di quel “tabernacolo” che è in noi e che si chiama “coscienza, inaccessibile a tutti, se non a Dio stesso.

IL LIBRO

Il cerchio di Dave Eggers italiani | Mondadori su Sanpaolostore.it

Mio Dio, questo è un paradiso" pensa Mae Holland un assolato lunedì di giugno quando fa il suo ingresso al Cerchio...

I vostri commenti
1
scrivi

Stai visualizzando  dei 1 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 78,00 € 52,80 - 32%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%