Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
 

Congo: guarire le ferite

05/11/2013  Suor Angélique Nako Namaika, insignita del premio Nansen per i rifugiati, istituito dall'Unhcr, aiuta donne e ragazze vittime della violenza dell'Lra a ricostruire la propria vita.

È stata profuga anche lei, «anche se solo per tre mesi. Ed è stato terribile, non dormivo, avevo paura, una esperienza spaventosa». Suor Angélique Nako Namaika, recentemente insignita dall’Unhcr (l'Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati) del premio Nansen per i rifugiati, non nasconde l’emozione quando parla della sua esperienza del 2009, dei mesi in cui, a causa della violenza dei ribelli dell’Lra, dovette lasciare temporaneamente la sua missione di Dungu.

Un centro per la reintegrazione e lo sviluppo, che suor Angélique aveva fondato nel Nord-est della Repubblica democratica del Congo, per accogliere e donne e le ragazze sfollate della regione
, in particolare quelle che hanno subito violenza o che sono state rapite dalla Lord resistance army, il gruppo di ribelli nato in Nord Uganda e noto per la sua violenza soprattutto sui minori (spesso rapiti, ridotti a schiavi e a soldati).

«Anche se per me si è trattato solo di pochi mesi», dice suor Angélique, «ho capito quanto ci si può sentire smarriti e sperduti nel momento in cui si è costretti a lasciare forzatamente la propria casa. Pensiamo se a questo si aggiungono le violenze, gli abusi, a volte le torture. Quando le ragazze arrivano da noi è fondamentale ridare loro speranza, dignità, fiducia, farle sentire protette. E poi aiutarle a ricostruire la loro esistenza. A partire dalla formazione, dalla scuola, dall’apprendere un lavoro».

Reinserirle nella società non è semplice: «Bisogna aiutarle non solo a guarire dalle proprie ferite, ma occorre che anche la società le riaccolga. Dopo un rapimento, uno stupro, al trauma si aggiunge anche lo stigma sociale. Occorre lavorare su tutti i fronti».

Suora agostiniana, «perché da bambina ero rimasta colpita da una suora che andava nei villaggi più sperduti per curare lebbrosi e malati di ogni genere», suor Angélique ha accolto oltre duemila donne in circa dieci anni. «Vedere che oggi molte di loro hanno una propria vita e che, spesso, aiutano loro stesse le altre ragazze a diventare autosufficienti, a imparare un lavoro, a ritornare a vivere, è una grande gioia. È terribile toccare il dolore degli altri, ma la forza di farlo e di continuare ad aiutare viene dalla preghiera, dalla fiducia in Dio, ma soprattutto dal grazie e dal sorriso delle persone che hai aiutato».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo