logo san paolo
martedì 30 novembre 2021
 
VENEZIA
 

Festa del Redentore con le norme anti-Covid

18/07/2020  Il 18 e 19 luglio si celebra come ogni anno a Venezia il tradizionale evento che in anni normali attirava migliaia di turisti da tutto il mondo. Il programma 2020 sarà ridotto a causa dell'emergenza sanitaria. Si concluderà con una celebrazione solenne domenica sera questo atteso evento che affonda le sue radici nel XVI secolo, quando nella Serenissima dilagava la peste.

Anche a Venezia la tradizionale Festa del Redentore è stata adattata alle norme igienico-sanitarie anti-Covid. La storia di questo evento risale al XVI secolo, quando nella Serenissima dilagava la peste. Il Senato, allora, il 4 settembre 1576, deliberò che il doge dovesse pronunciare il voto di erigere una chiesa dedicata al Redentore affinché intercedesse per far finire la pestilenza.

Ogni anno la città avrebbe reso onore alla basilica, nel giorno in cui fosse stata dichiarata libera dal contagio. Cosa che avvenne il 13 luglio dell’anno seguente, al punto che si decise di solennizzare la liberazione dalla peste, la terza domenica del mese di luglio, con una cerimonia religiosa e una festa popolare. Oggi si aprono le celebrazioni ma secondo le restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria e con un programma ridefinito e ridotto; alle 20.30 si svolge il pellegrinaggio, con i dovuti distanziamenti, alla Basilica del Redentore, nell’isola della Giudecca, proposto ai giovani dall’Azione cattolica e dalla Pastorale giovanile diocesana. L’evento si concluderà con una veglia eucaristica di preghiera.

Domenica, sempre nella Basilica del Redentore, alle 19, il patriarca Francesco Moraglia presiede la solenne concelebrazione eucaristica, con il discorso alla città. L’ingresso dei fedeli alle messe sarà contingentato.

PER SAPERNE DI PIU'. La Festa del Redentore è tra le festività più sentite dai veneziani, in cui convivono l'aspetto religioso ma anche quello spettacolare. Quest'anno ha preso il via nella serata di venerdì 17 luglio con l’apertura dalle ore 20 del ponte votivo, che collega le Zattere con la Chiesa del Redentore all’isola della Giudecca (aperto fino alla mezzanotte di domenica 19 luglio).

Confermate le celebrazioni religiose, l'accensione delle tradizionali luminarie sabato e domenica, lungo fondamenta delle Zattere e alla Giudecca. Il programma dei festeggiamenti si aprirà sabato 18 luglio quando il Canal Grande si trasformerà in un grande palcoscenico con musica lungo le rive, in un percorso che partirà dalla stazione ferroviaria, toccando Punta della Dogana fino alla Giudecca. In serata ancora musica, con concerti in varie zone della città.

Il pomeriggio di domenica 19 luglio sono confermate le regate di voga alla veneta nel tratto antistante la Giudecca, alle ore 16 quella dei giovanissimi su pupparini a 2 remi, alle ore 16.45 i pupparini a 2 remi e alle ore 17.30 la regata su gondole a 2 remi.

Da venerdì sera fino a domenica sarà attivata la linea sostitutiva del Ferry San Nicolò – Punta Sabbioni e comunque in via straordinaria, rispetto alle precedenti edizioni, sia il sabato che la domenica, con due corse all’andata e due pomeriggio al ritorno, sarà fatto un ferry straordinario dal Tronchetto, lungo il Vittorio Emanuele, fino agli Alberoni, riservato a pedoni e ciclisti.

La Festa del Redentore 2020 si svolgerà senza il tradizionale spettacolo pirotecnico (nella foto una passata edizione). A questo proposito il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha dichiarato “Negli ultimi giorni i dati sull’emergenza sanitaria, anche nella nostra regione, hanno indicato un lieve aumento dell’indice di contagio. Venezia è, ed è sempre stata, una Città sicura e responsabile, non possiamo permetterci di rischiare sulla salute dei cittadini e vanificare il grande lavoro che è stato fatto in tutti questi mesi per farla ripartire. Su questo fronte i numeri delle presenze sono confortanti e proprio per questo motivo vogliamo dare un messaggio di responsabilità al mondo: chi viene a Venezia può farlo perché troverà una città sicura. Mi assumo la responsabilità della decisione, è una scelta di coscienza prima di tutto”.

PROGRAMMA

SABATO 18 LUGLIO

LUMINARIE DEL REDENTORE - Sabato e domenica luminarie lungo le rive delle Zattere e della Giudecca.

GALLEGGIANTI DEL REDENTORE
Dalle ore 19.00 alle ore 23.00 di sabato 18 luglio musica itinerante in Canal Grande, Bacino di San Marco, Zattere e Giudecca.
Quattro imbarcazioni con a bordo il meglio della musica veneziana!

“Barca del Mercà”  | Batisto Coco
I ritmi ballabili della musica latinoamericana con l’accento e la cadenza veneziana, contaminate dalla lingua e dalla cultura spagnole. Salsa, mambo e cha cha cha, parodie della vita quotidiana e di umorismo, da oltre 35 anni.
Max Bellio (voce), Paolo Vianello (piano), Marco Musoni (basso), Eddy de Fanti (timbales), Gianni Scanu (congas), Maurizio Pegoraro (bongos), Maurizio Scomparin (tromba), Giorgio Schiavon (Sax).

“Barca del Limòn” | Josmil Neris e i Laguna Swing
Cantante e corista di origini dominicane cresciuta a Venezia, dalla voce scura e coinvolgente, fortemente influenzata dalla black music, dal jazz, dal soul, dal pop fino all'RnB. Un repertorio che rende omaggio anche ai grandi classici della musica italiana e internazionale.
Ad accompagnarla, la sua inseparabile band dei Laguna Swing: Marco Ponchiroli (piano), Giovanni Masiero (sax), Alvise Seggi (basso), Marco Carlesso (batteria).

“Barca del Frutariòl” | Furio e gli Ska-J
Un gruppo veneziano "che suona per il 98% jazz e per il 2% ska", come ama sottolineare il leader del gruppo Marco Forieri (Pitura Freska).

“Barca dei Graspi de Ua” | Pitura Stail
La prima tribute band alla storica band veneziana dei Pitura Freska. Un revival musicale, "Reggae & Roll", in cui il dialetto veneto è protagonista.
Cris “El Gangia” (voce), Stefano “Jack” Cavallin (tromba e cori), Germano “German” Toncetti (chitarra e cori), Michele “Chele” Minosso (tastiere), Michele “Matonea” Giacomello (sax e cori), Andrea “Vana” Vanacore (basso), Alessandro “Alex” Lazzari (batteria).

DOMENICA 19 LUGLIO

REGATE DEL REDENTORE - Canale della Giudecca:

  • ore 16.00 Regata dei giovanissimi su pupparini a 2 remi
  • ore 16.45 Regata su pupparini a 2 remi
  • ore 17.30 Regata su gondole a 2 remi

Ore 19.00 - Isola della Giudecca, Santa Messa Votiva presso la Chiesa del Redentore

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo