Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 29 maggio 2024
 
 

Halloween non basta, occorre anche Ognissanti

02/11/2013  …e la visita al cimitero il giorno dopo. «È ora di insegnare ai nostri figli a tagliarsi e cucirsi un costume da mostri anziché dire di sì quando ne vogliono comprare uno al supermercato. E assicurarci che ci seguano in chiesa il giorno dopo». Quanto al business, negli Stati Uniti si spendono 6,9 miliardi di dollari e nel Regno Unito 325 milioni di sterline.

Impossibile impedire ai nostri figli di divertirsi come i loro amici e compagni di classe vietando quel brivido di paura che, da sempre, è il divertimento preferito dei più piccoli. Il “Tablet”, forse il più rispettato settimanale cattolico inglese, ha deciso di dire sì a Halloween spiegando che questa festa potrebbe avere le sue origini in un vecchio rito pagano ma, dall’ottavo secolo, è stata incorporata nel calendario cristiano come la vigilia di Ognissanti.

Il problema non è consentire ai bambini di travestirsi da mostri e saccheggiare il vicinato chiedendo dolci, ma, piuttosto, assicurarsi che, il giorno dopo, vadano a Messa come chiede la Chiesa cattolica. E anche evitare, per quanto possibile, che il consumismo svuoti il portafoglio di mamma e papà.

Questo è il punto di vista anche della BBC. Nella riflessione religiosa “Thought for the day”, incorporata nel programma del mattino “Today”, seguito da tutte le elites del Regno Unito, è stato spiegato che Halloween non avrebbe senso senza la festa dei santi e quella dei morti.

Questo carnevale anglosassone serve infatti ad esorcizzare la paura della morte e l’idea, sempre presente nel nostro inconscio, che potremmo finire all’Inferno.

Ma Halloween, ormai la festa più celebrata in America e nel Regno Unito, dopo Natale e Pasqua, non ce la fa a dare la risposta giusta al bisogno dello spirito umano di vincere la morte. Ci vuole Ognissanti e una visita al cimitero ai nostri cari per essere sicuri che Gesù ci accompagnerà negli ultimi momenti di vita e ci aspetta a braccia aperte oltre la morte.

La convinzione che esistano i fantasmi non ha distrutto la fede nei santi e nella vita ultraterrena. Inglesi e americani vanno ancora in chiesa e al cimitero. Il problema è un altro. Il tentativo di esorcizzare la paura della morte con una risposta commerciale. Negli Stati Uniti si spendono per Halloween 6,9 miliardi di dollari e nel Regno Unito 325 milioni di sterline.

È ora di insegnare ai nostri figli a tagliarsi e cucirsi un costume da mostri anziché dire di sì quando vogliono comprarne uno al supermercato e assicurarci che ci seguano in chiesa il giorno dopo.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo