Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 21 maggio 2024
 
 

Mondiali "on the road", su un pullmino

29/05/2010  Tre italiani e otto africani da Nairobi a Johannesburg su un "Matatu", con tante partite da giocare con i ragazzi: per strada, nei campi, là dove si può.

Partenza il primo giugno da Nairobi, in Kenya; arrivo, puntualissimi, l'11 luglio a Johannesburg, in Sudafrica, per la finalissima dei Mondiali di calcio, dopo aver attraversato Tanzania, Malawi, Zambia, Zimbabwe, Mozambico, Swaziland e Lesotho. Tre giovani italiani (Emiliano Corbetta, Francesco Riedo e Luca Marchina) faranno gruppo con otto africani su un "Matatu", il pulmino che rappresenta il mezzo di trasporto pubblico più diffuso in Africa, per questo viaggio che attraversa villaggi e città, altrettante tappe di un Mondiale diverso.

Carico di palloni, divise, porte di calcio, il Matatu si fermerà infatti molte volte lungo il percorso, per partite di calcio improvvisate con i ragazzi dei villaggi, e altre più organizzate nelle città dove operano le Ong associate nella rete CoLomba. Il progetto è un'iniziativa fantasiosa per dimostrare cosa sia davvero il calcio in Africa: uno strumento di coesione e partecipazione sociale, un gioco spontaneo per tantissimi ragazzi, da praticare nelle baraccopoli, su terra battuta e a piedi scalzi.

Il "progetto Matatu" è sostenuto da Altropallone, CoLomba e Karibu Afrika e potrà essere seguito sul sito www.altrimondiali.it attraverso foto, video e blog. Un viaggio in tante realtà africane attraverso il calcio, per capire come gli abitanti vivono i loro personalissimi mondiali.


 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo