Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 21 giugno 2024
 
Il Teologo
 

I rapporti intimi tra gli sposi, fuori della procreazione, per la Chiesa sono peccato?

24/10/2019 

L.C. - Vorrei sapere se è vero che i rapporti intimi tra marito e moglie al di fuori della procreazione sono peccato.

Certamente no. Gli sposi hanno bisogno normalmente dell’intimità per esprimere e alimentare il loro amore. Dio stesso ha caricato questo gesto di gioiosità e ne ha fatto un atto desiderato perché gli sposi, unendosi, diventino l’uno gioia per l’altro. Però questo gesto è caricato, in alcuni giorni del mese, del potere più grande dell’uomo, quello di far emergere dal nulla una persona umana. Come comportarsi quando lo si desidera nel tempo in cui esso è anche procreativo, ma sarebbe irragionevole procreare? Una soluzione è quella della contraccezione. La Chiesa la condanna e chiede che si adottino invece i metodi naturali, cioè si individuino i pochi giorni che sono fecondi e si astengano dal gesto e se ne usi liberamente quando non è carico del potere procreativo. È quanto la Chiesa ha insegnato e continua a insegnare, anche se non è sempre facile applicarlo alla vita della coppia.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo