logo san paolo
lunedì 11 novembre 2019
 
dossier
 

Il dirigente del tiro a segno: «Non strumentalizzateci: siamo sportivi, non poliziotti»

10/04/2017  A Treviso le iscrizioni sono stabili. «E comunque basta un coltello per fare una strage»

Marco Bruniera, dirigente della storica (è stata fondata nel 1868) Sezione di Treviso del Tiro a segno nazionale, a differenza di altri colleghi non si sottrae alle nostre domande, ma ci tiene a fare una premessa: «Noi siamo degli sportivi che usano le armi solo per bucare la carta. E siamo orgogliosi dei nostri successi a livello nazionale e internazionale. Non ci stiamo a essere strumentalizzati».

D’accordo. Ma c’è stato anche da voi un boom di iscritti?

«Solo nel 2015, perché la Questura ha deciso una revisione di tutte le licenze. L’anno scorso il numero è tornato stabile».

Oggi potete controllare che chi si iscrive da voi poi effettivamente esercita l’attività sportiva?

«È impossibile. Noi rilasciamo il certificato di idoneità al maneggio delle armi. Come facciamo poi a verificare che chi lo detiene lo usi per fare tiro al piattello, tiro dinamico o per andare a caccia? Oppure che non lo usi affatto a fini sportivi? Le uniche banche dati affidabili sono quelle delle Questure».

Ma non crede che ci vorrebbe una legislazione più restrittiva per concedere la licenza a uso sportivo, almeno per limitare il numero delle armi che si possono detenere?

«Non credo che ci sia un legame tra il numero d’armi e il loro uso a fini violenti. Io posso avere in casa cento pistole e poi uscire con un coltello e fare una strage».

Lo showman Francesco Facchinetti, dopo che il padre ha subìto un furto in casa, ha dichiarato: «Sto andando a comprarmi un arsenale, se qualcuno entra in casa mia con i miei figli non esce vivo!». Lei che ne pensa?

«Sono affari suoi. Per quanto mi riguarda, io non sono nemmeno un cacciatore. E in caso di furto, preferirei avere sul mio comodino un mattarello piuttosto che una pistola».

I vostri commenti
4
scrivi

Stai visualizzando  dei 4 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    CREDERE
    € 88,40 € 52,80 - 40%
    FELTRO CREATIVO
    € 22,00 € 0,00 - 18%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%