Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 22 aprile 2024
 
crisi/1
 

Il Papa agli ex lavoratori Embraco: «Condivido le vostre ansie e difficoltà»

11/02/2022  Lo ha reso noto l'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia. Il Pontefice ha espresso "la sua vicinanza" ai quasi 400 dipendenti per i quali è terminata la cassa integrazione. Ringraziando il Pontefice, monsignor Nosiglia ha rinnovato l’appello a tutte le realtà economiche per cercare soluzioni

Il Papa scrive ai lavoratori della ex Embraco (industria del Torinese), per cui il 22 gennaio è finita la cassa integrazione, vittime di un calvario lastricato da illusioni e promesse disattese. È l’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, a rendere nota la missiva del Pontefice. Nel testo, Francesco esprime «vicinanza agli operai e alle loro famiglie», assicurando il suo «ricordo nella preghiera» e condividendo «il tempo di ansia e di difficoltà che state vivendo». Infine un’invocazione «alla protezione della Santa Vergine» e la benedizione per operai e famiglie.

Era stato lo stesso monsignor Nosiglia, lo scorso 19 gennaio, alla vigilia del termine  della cassa integrazione, a scrivere al Santo Padre, condividendo la dolorosa situazione dei lavoratori. Sì, perché quella dell’Embraco, stabilimento a Riva di Chieri, alle porte di Torino, che produceva compressori per uso industriale e domestico, è una storia tristemente emblematica. Per anni i quasi 400 lavoratori che vi erano impiegati sono rimasti appesi a un filo. Più volte si è parlato di acquisizione da parte di diversi gruppi imprenditoriali, con trattative infinite che hanno coinvolto anche Ministero ed enti locali. Ma alla fine tutti i piani di rilancio sono andati in fumo e l’epilogo è stato il peggiore possibile. In questi duri anni di lotte e sconfitte, l’Arcivescovo del capoluogo piemontese è stato tra i pochi a non abbandonare gli operai e le loro famiglie. La Diocesi torinese si è messa in gioco con aiuti concreti e in molte occasioni, nel corso del suo mandato pastorale, il presule ha voluto gli operai accanto a sé, come presenza simbolica e richiamo per l’intera società. Una delegazione di lavoratori era presente, ad esempio, durante la venerazione della Sindone lo scorso Sabato Santo, così come alla Messa di Natale e alle iniziative di incontro con la comunità di Taizé.

Anche oggi, monsignor Nosiglia, ringraziando il Pontefice per la sua vicinanza, rinnova l’appello a tutte le realtà economiche in grado di offrire soluzioni. «A queste imprese chiedo di farsi avanti», scrive, «unendosi a quelle che già hanno avviato il percorso per l'assunzione di alcuni dei lavoratori. È una prospettiva concreta e possibile, che dovrà essere sostenuta anche dalle istituzioni attraverso gli strumenti dei necessari aggiornamenti professionali»

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo