Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
Chiedilo a credere
 
Credere

L'amore tra Hollywood e il "Holy wood" di Cristo

03/02/2022  Per stare al titolo: Hollywood non sempre racconta il “Holy Wood” (il Sacro Legno) della Croce di Gesù

Se guardo a oltre 25 anni di vissuto pastorale, e in modo speciale agli ultimi 10 anni in cui mi sono impegnato di più nel campo della pastorale relazione tra amore di coppia e dintorni, penso di aver accumulato abbastanza esempi nella testa per formulare una domanda collettiva: perché l’amore fallisce così spesso? Non parliamo ancora di matrimoni sacramentali e di corse dagli avvocati e verso i cavilli per trovare una (im)probabile nullità… rimaniamo per ora a un livello molto basic. Perché le relazioni falliscono? A far parlare l’esperienza, anzi, le esperienze che ho potuto vedere e, a volte, accompagnare, non posso dare una risposta univoca.

Sappiamo che le cause sono tante quanto le relazioni. Non aveva tutti i torti Tolstoj quando sentenziava all’inizio di Anna Karenina: «Tutte le famiglie felici sono uguali, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo». (Ok ok... non sono d’accordo con la prima parte dell’affermazione. D’altronde, credo, nemmeno Lev, pena dormire sul divano senza cena e rigorosamente fuori casa nel gelo siberiano). Insomma, ogni relazione che fallisce ha i suoi intrighi, intoppi e dinamiche: per l’ingerenza dei genitori, o per problemi economici, o ancora a causa di un licenziamento inatteso, o per una cotta improvvisa, ecc.

Ma ritorno al titolo di queste righe, perché credo mi permetta di vedere una causa che è spesso, se non sempre, a monte di un amore che muore. Hollywood ci propone modelli d’amore passionali – e, bisogna dirlo, a giudicare dai box office: spesso appassionanti – ma raramente ci racconta l’amore nella durata, nel quotidiano. In ogni caso, non che io ce l’abbia con Hollywood, era solo per creare un contrasto con il “Holy Wood” (= il sacro legno) della Croce di Gesù.

È qui il grande contrasto: gli amori muoiono perché si crede che l’amore sia aggiungere l’altro come ingrediente alla mia formula di benessere personale. Mentre, il “Holy Wood” ci insegna che l’amore è dare la propria vita per la persona amata. Ecco, molto brevemente e provocatoriamente: la Croce di Gesù ci dà una grande lezione d’amore: in ogni amore che muore, c’è una persona (o entrambe le persone) che ha/hanno rifiutato di morire a se stessi. Al contrario, in ogni amore che vive, ci sono due che hanno capito la lezione del Crocefisso e hanno crocifisso l’ego. Sono degli infelici? A giudicare dalle tante esperienze riuscite che ho incontrato, mi pare proprio l’opposto!

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo