logo san paolo
giovedì 29 febbraio 2024
 
Parliamone insieme
 
Credere

La bellezza che ci mette una spina nel cuore

08/09/2022  Papa Francesco ha partecipato alla prima edizione di Summit vitae. Con gli artisti presenti all’incontro ha parlato della bellezza che attrae a un cammino e dà la coscienza di essere “attesi da qualcuno”

Cari amici lettori, venerdì 1° settembre papa Francesco ha partecipato alla prima edizione dell’incontro Summit Vitae che ha avuto luogo alla Casina Pio IV in Vaticano tra il 31 agosto e il 1° settembre scorsi e ha visto la partecipazione di diversi artisti famosi, per riflettere su come le arti, i media, lo spettacolo possano promuovere il bene comune e favorire una cultura dell’incontro.

Il Santo Padre, sulla scia anche di altri Papi (penso al Messaggio agli artisti di Paolo VI e la Lettera agli artisti di Giovanni Paolo II), ha mostrato sensibilità e attenzione anche a questo “campo” in cui siamo un po’ meno abituati a sentirlo parlare. Ma sappiamo che ha avuto una formazione umanistica, ha insegnato per un anno letteratura e psicologia, gli piace la musica classica e nei documenti cita in più occasioni scrittori e poeti latinoamericani. E offre anche a noi qualche spunto di riflessione.

Che ruolo può avere infatti per noi la bellezza? Non rischia di essere un po’ una evasione dai giorni bui, con tutti i problemi che incombono? In realtà, proprio da periodi bui ed esperienze terribili come i lager nazisti e i gulag comunisti sono nati capolavori dell’umano come Se questo è un uomo di Primo Levi e Arcipelago gulag di Aleksander Solzenicyn. Ma sono tanti i capolavori d’arte e di letteratura che ci permettono una profondità di sguardo sull’umano e i suoi problemi, più di tante opere di sociologia o di filosofia, e ci aiutano a leggere il nostro tempo e noi stessi. Senza dimenticare che la visione cristiana della vita ha ispirato opere somme come la Divina Commedia di Dante e I promessi sposi di Manzoni, trasformando la teologia e la spiritualità cristiane in affreschi di grande potenza comunicativa che sono capaci di commuoverci e farci riflettere ancora oggi. Conversando con gli artisti presenti a Summit Vitae, papa Francesco ha affermato che il ruolo dell’arte è di «mettere una spina nel cuore, che muove alla contemplazione e la contemplazione ti attira a un cammino». L’arte insomma non ci lascia “seduti” in poltrona, ma «attrae ad un cammino e chi è in cammino ha la coscienza di essere atteso, che “qualcuno mi sta aspettando”».

È il potere della bellezza: attirarci, farci presagire qualcosa di più grande, di più bello, che è il nostro “destino”. Al bisogno di bellezza dovremmo forse prestare più attenzione, insomma: non per ricerca di “evasione” estetica ma perché la bellezza ha il potere di attrarre e di darci uno sguardo diverso, di cui abbiamo enorme bisogno in mezzo al grigiore quotidiano o al buio di situazioni difficili. Anche la fede, poi, ha bisogno della bellezza del bene: le storie che presentiamo su Credere cercano di restituirla. Ne abbiamo necessità, soprattutto quando il cuore è tentato dall’inaridimento o dallo scoraggiamento. Di fronte alle questioni “serie” della vita (politica, economia, emergenze sociali registrate dall’attualità…), che certamente non possiamo ignorare, essa semina in noi preziosi germogli di speranza.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo