logo san paolo
domenica 05 dicembre 2021
 
Chiedi al Teologo
 

La verginità di Maria è un dogma per i cristiani?

16/05/2017 

MARIO - La verginità nel matrimonio non è un valore difendibile, nemmeno per la Chiesa cattolica, che dichiara nullo il matrimonio rato ma non consumato. Perché lo diventa nel caso di Maria, madre di Gesù? La verginità di Maria è dogma per tutti i cristiani?

Nel caso di Maria e, quindi, di Giuseppe, la verginità è legata al concepimento di Gesù per opera dello Spirito Santo. Il Figlio di Dio, infatti, non si è “impossessato” di un corpo umano nato dall’amore coniugale di Giuseppe e Maria, ma egli stesso è diventato uomo nel momento in cui Maria ha detto liberamente il suo sì. Questo è un atto libero della sua volontà divina, una scelta trinitaria. Ecco allora la modalità verginale del suo diventare vero uomo. Il Figlio di Dio non si è servito delle scelte o delle azioni di altri. La verginità di Maria nel concepimento di Gesù è il segno e la testimonianza della sua divinità e del suo amore per l’umanità tanto da diventare, con la sua Pasqua, il “fratello” universale. La verginità di Maria ha valore e senso in quanto si rapporta a Cristo ed è causata da lui, ne è una conseguenza. In quanto segno dell’identità umano-divina di Gesù, la verginità di Maria sua madre è dogma per tutti i cristiani, come la stessa parola di Dio, nel Vangelo di Luca, ci attesta.

I vostri commenti
27

Stai visualizzando  dei 27 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo