logo san paolo
mercoledì 18 maggio 2022
 
dossier
 

Don Luigi Maria Palazzolo: la tenera carezza di Dio per gli ultimi della terra

13/05/2022  Nel nome di Cristo si adoperò per i tanti crocifissi del suo tempo. Fondò la Congregazione delle Suore delle Poverelle e i Fratelli della Sacra Famiglia

Luigi Maria Palazzolo fondò le Congregazioni delle Suore Poverelle e dei Fratelli della Santa Famiglia. Nato il 10 dicembre 1827 a Bergamo, ultimo di 9 figli, nella madre trovò una saggia e amorosa educatrice. Dopo il ginnasio studiò filosofia in seminario,poi  teologia. Il 23 giugno 1850 fu ordinato sacerdote. Fu saggio educatore. Scrisse testi
di commedie con i burattini e si dimostrò abile nel dar voce a Gioppino, tipico personaggio bergamasco. Istituì scuole serali per ragazzi e adulti, ma fu dedito anche alle giovani. Adibì una casetta di sua proprietà come sede per l’oratorio femminile e vi mise a capo Teresa Gabrieli, maestra, eletta quell’anno (1869) vicesuperiora della Pia Opera di Santa Dorotea. Ella pronunziò i voti di povertà, castità e obbedienza, giurò fedeltà al Papa e incondizionata dedizione ai poveri, soprattutto alla gioventù. A giugno don Luigi, in un viaggio a Roma, sentì forte il desiderio di radicale povertà: «Mi si presentò alla mente che Gesù morì ignudo sulla croce e però sentii desiderio di povertà e abbandonar tutto...».

Ritornato a Bergamo, si spogliò dei beni a favore dei poveri. Negli anni successivi, a suor Teresa si aggiunsero altre compagne; le comunità delle Suore Poverelle (così le chiamò fondandole nel 1869) continuarono a espandersi: prima a Vicenza, poi a Bergamo, infine a Brescia. Nel frattempo Dio gli aveva proposto un’altra opera: un ricovero per orfani di agricoltori, affidando loro la coltivazione dei terreni nella casa di villeggiatura ereditata dalla famiglia materna. Poiché il numero andava crescendo, trovò in Battista Leidi,il buon servitore che aveva in casa sua, la persona capace di svolgere quel servizio per amore di Dio. Nacquero così i fratelli della Sacra Famiglia. Verso la fine del 1885 la salute di Palazzolo diventò precaria. Soffriva di una disfunzione cardiaca a cui si aggiunse un’erisipela che lo ridusse a una sola piaga. Si spense il 15 giugno 1886, all’età di cinquantotto anni. Ai funerali un interminabile corteo di persone che pregavano e chiamavano “santo” il defunto. I Fratelli della Sacra Famiglia si estinsero nel 1922, le Suore Poverelle continuarono nel servizio ai più poveri in Italia, Africa e Sudamerica. Sei di loro sono state uccise dal virus Ebola nel 1995: Floralba Rondi, Clarangela Ghilardi,  Danielangela Sorti, Dinarosa Belleri, Annelvira Ossoli e Vitarosa Zorza.Tutte venerabili.

 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo