Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 17 aprile 2024
 
dossier
 

Mimosa: per l'8 marzo c'è anche la torta della tradizione

08/03/2023  Insieme alla maestra pasticciera Imma Iovino, della storica Pasticceria Cucchi di Milano, e a Tiziana Di Masi, attrice di teatro sociale e scrittrice, diventata famosa anche come La Signorina in dolce l'investigatrice pasticciera, andiamo alla scoperta di questo dolce, che si ispira al fiore giallo simbolo della Festa della Donna. Anche con la ricetta da preparare in casa per festeggiare mogli, colleghe, compagne, amiche, figlie, nonne e mamme. Insomma, tutte le donne che si stimano e a a cui si vuole bene.

Delicata ma al tempo stesso forte e intensa: è la torta Mimosa, dedicata alle donne nel giorno della loro festa per celebrare a suon di crema pasticciera e soffice pan di Spagna, la forza, la bellezza e la raffinatezza delle donne.

Il dolce è un'immancabile presenza in ogni celebrazione e anche protagonista di un giallo avvincente e goloso uscito il 23 febbraio scorso. Si chiama La Signorina in dolce- investigatrice pasticciera ed è un romanzo per ragazzi tutto al femminile, scritto dall'attrice e autrice Tiziana Di Masi che racconta la storia di una bambina dotata del superpotere di parlare coi dolci e risolvere grazie a loro, casi impossibili.

 

Il tour di presentazione del libro  è iniziato e continuerà nelle pasticcerie, luoghi di elezione del personaggio e dell'autrice:  il 23 febbraio la prima presentazione in pasticceria Cucchi a Milano, il 2 marzo a Bergamo alla pasticceria Cavour 1880, l'8 marzo, proprio oggi a Bologna al grand hotel Majestic già Baglioni per festeggiare la festa dellle donne con le avventure del romanzo e i dolci del pastry chef Vincenzo Digifico ispirati alla piccola investigatrice. Il 15 marzo il tour riapproderà di nuovo Milano alla Pasticceria Stefanelli per poi proseguire al sud.

Un 8 marzo dolcissimo fra le versioni classiche e le rielaborazioni della Torta Mimosa, di cui a Milano certo non mancano le proposte.

La classica torta Mimosa di Adolfo Stefanelli intriga per la purezza e semplicità dei suoi ingredienti: al pan di spagna si accompagna una crema pasticciera vellutata e la freschezza delle fragole all'interno, nelle versioni di Imma Iovine di pasticceria Cucchi c'è anche la Splendida, una torta inno allo splendore che ogni donna ha in sè.

Spiega proprio la pasticciera, nata a Castellammare di Stabia e che fa parte dell'Accademia Maestri Pasticceri Italiani: «Nella nostra Pasticceria Cucchi, che si trova in corso Genova a Milano, realizziamo una Torta Mimosa classica creata con Pan di Spagna, bagna alla vaniglia, crema chantilly e un tocco di fragoline di bosco, anche in monoporzione. Sempre gialla, il colore di questa festa, proponiamo per le donne anche la torta che abbiamo chiamato Splendida, composta da croccante al pistacchio, finanziera al pistacchio cremoso e gelée al limone, bavarese alla vaniglia. C'è la frase di un anonimo che voglio dedicare a tutte noi: "Ti diranno che non è tempo per te, che è tutto sbagliato e non puoi più fiorire. Tu ignorali e splendi"».

Buon 8 marzo e che non manchino mimose e dolci in giallo.

LA RICETTA CLASSICA 

INGREDIENTI

2 pan di Spagna rotondi

8 dl di crema pasticciera

2 dl di panna fresca

1/2 dl di Grand Marnier o liquore all'arancia 

50 g di zucchero 

Preparazione

1. Unite in un tegamino lo zucchero con un decilitro di acqua e portate a ebollizione,cuocete lo sciroppo per un minuto e spegnete.

2. Montata la panna fresca con le fruste elettriche e amalgamatela delicatamente alla crema pasticciera già preparata.

3. Tagliate uno dei due pan di Spagna in tre strati. Togliete la crosta esterna al secondo e tagliatelo a dadini piuttosto piccoli. 

4. Disponete il primo disco di pan di Spagna sul piatto di portata e spennellatelo con parte dello sciroppo e con il liquore. 

5. Aggiungete sulla superficie uno strato di crema pasticciera, spalmandola con cura con l'apposita paletta di silicone. Proseguite con il secondo disco con lo stesso procedimento.

6. Infine, spalmate la crema rimasta sul terzo disco e cospargetela con i dadini di pan di Spagna, in modo da ricordare il celebre fiore. Fate riposare la torta in frigo per un'ora e aggiungete eventualmente delle fragoline di bosco per dare un tocco di rosso alla preparazione.

3. 

Multimedia
L'ultimo ballo per la sposa
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo