Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
giovedì 18 aprile 2024
 
intervista a Noa
 
Credere

Noa: Dico “pace” anche se tutti gridano “guerra”

07/11/2023  Intervista a Noa

«Non voglio indurire il mio cuore alla sofferenza degli altri. Voglio continuare a dire “pace” quando tutti dicono “guerra”». È passato un mese dall’inizio della guerra in Terra Santa e per Noa sono giorni di ansia e terrore. La cantante israeliana, infatti, vive in un kibbutz non molto distante da quelli colpiti da Hamas il 7 ottobre.
La sua testimonianza, raccolta in un’intervista a Credere sul numero in edicola da giovedì 9 novembre e in parrocchia da domenica 12, e disponibile su edicolasanpaolo.it, è profonda e toccante. «Ero a casa e i miei figli, grazie a Dio, non erano a quella maledetta festa in cui i terroristi massacravano i giovani. Non ci sono parole per descrivere lo shock e il fiume infinito di lacrime...».

Da sempre impegnata per il dialogo interreligioso e per la pacifica convivenza tra ebrei e musulmani in Medio Oriente, Noa rifiuta di lasciarsi ingabbiare nella logica del fanatismo: «Non c’è un minuto in cui non penso alle persone innocenti di Gaza. Basta uccisioni e violenze in nome di Dio. La volontà di Dio è che tutte le vite siano trattate con gentilezza ed equità, che vengano nutrite e curate: siamo tutti figli e creature di Dio».

Del tutto consapevole dell’importanza di esprimere sempre un’opinione informata, e di non cadere nella trappola dell’estremismo e del sensazionalismo incoraggiati dai social media, Noa lancia un sentito appello per la fine delle atrocità: «C’è bisogno di un intervento internazionale immediato: un’escalation qui potrebbe portare a una guerra mondiale! Il mondo ci deve aiutare a riportare indietro sani e salvi gli ostaggi: 225 persone innocenti, tra cui neonati e anziani». E subito aggiunge: «Occorre trovare una soluzione per Gaza, con l’aiuto di tutti, compreso l’Egitto: cercare una via giusta per il popolo palestinese e israeliano che consenta a tutti di vivere in dignità, sicurezza e prosperità. L’unica soluzione per noi è “due Stati per due popoli”, fianco a fianco».

 

Trovi l’intervista completa a Noa, a firma Donatella Ferrario, sul numero di Credere 46 in edicola da giovedì 9 novembre e da domenica 12 in parrocchia, e disponibile su edicolasanpaolo.it

 

 

(immagine di testata di ANSA)

Credere

Credere è la rivista settimanale d’attualità che ci aiuta a vivere «la gioia del Vangelo». Già scelta come “Rivista Ufficiale del Giubileo della Misericordia”, oggi torna da te rinnovata nei contenuti e nella grafica. Ricca di storie, ogni settimana racconta i gesti e le parole di Papa Francesco, gli eventi di attualità legati alla vita della Chiesa, le grandi storie di fede di gente "comune". Ti aspetta su EdicolaSanPaolo.it

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo