Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
Santa Marta
 

«Che i politici decidano per il bene del popolo, non dei partiti»

20/04/2020  Nella messa a Santa Marta papa Francesco ricorda che, per agire bene, nei momenti bui, oltre alla prudenza, serve anche la preghiera. Per un cristiano è la docilità allo Spirito che indica la via da seguire. E mette in guardia i partiti politici: «Agire insieme per il bene comune»

Ricorda che «la politica è una forma alta di carità» e torna a pregare per la politica, papa Francesco. Perché «in questo momento di pandemia cerchino insieme il bene del Paese e non il bene del proprio partito».

Nell’omelia commenta il Vangelo che racconta dell’incontro notturno di Nicodemo con Gesù. «Nicodemo è un capo dei giudei, un uomo autorevole; sentì la necessità di andare da Gesù. Andò di notte, perché doveva fare un po’ di equilibrio, perché coloro che andavano a parlare con Gesù non erano guardati bene», ricorda Bergoglio. Nicodemo era un fariseo, ma un «fariseo giusto, perché non tutti i farisei sono cattivi: no, no; c’erano anche farisei giusti. Questo è un fariseo giusto. Sentì l’inquietudine, perché è un uomo che aveva letto i profeti e sapeva che questo che Gesù faceva era stato annunciato dai profeti. Sentì l’inquietudine e andò a parlare con Gesù. “Rabbì, sappiamo che sei venuto da Dio come Maestro”: è una confessione, fino a un certo punto. “Nessuno, infatti, può compiere questi segni che Tu compi se Dio non è con lui”. Si ferma davanti al “dunque”. Se io dico questo … dunque … E Gesù ha risposto. Rispose misteriosamente, come lui, Nicodemo, non se l’aspettava. Rispose con quella figura della nascita: se uno non nasce dall’alto, non può vedere il Regno di Dio». Nicodemo sente confusione «non capisce e prende ad litteram quella risposta di Gesù: ma come si può nascere se uno è adulto, una persona grande? Nascere dall’alto, nascere dallo Spirito. È il salto che la confessione di Nicodemo deve fare e lui non sa come farla. Perché lo Spirito è imprevedibile. La definizione dello Spirito che Gesù dà qui è interessante: “Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito”, cioè libero. Una persona che si lascia portare da una parte e dall’altra dallo Spirito Santo: questa è la libertà dello Spirito. E chi fa questo è una persona docile e qui si parla della docilità allo Spirito», spiega.

E dunque non si è cristiani soltanto perché si seguono i comandamenti. «Si devono fare», precisa Francesco, «questo è vero; ma se tu ti fermi lì, non sei un buon cristiano. Essere un buon cristiano è lasciare che lo Spirito entri dentro di te e ti porti, ti porti dove lui vuole. Nella nostra vita cristiana tante volte ci fermiamo come Nicodemo, davanti al “dunque”, non sappiamo quale passo fare, non sappiamo come farlo o non abbiamo la fiducia in Dio per fare questo passo e lasciare entrare lo Spirito. Nascere di nuovo è lasciare che lo Spirito entri in noi e che sia lo Spirito a guidarmi e non io, e qui, libero, con questa libertà dello Spirito che tu non saprai mai dove finirai».

E sottolinea che anche gli apostoli si fecero portare dallo Spirito. «Erano nel Cenacolo, quando venne lo Spirito uscirono a predicare con quel coraggio, quella franchezza … non sapevano che sarebbe successo questo; e lo hanno fatto, perché lo Spirito li guidava. Il cristiano non deve fermarsi mai soltanto al compimento dei Comandamenti: si deve fare, ma andare oltre, verso questa nascita nuova che è la nascita nello Spirito, che ti dà la libertà dello Spirito».

È quanto accade anche alla comunità cristiana di cui parla la prima Lettura. Giovanni e Pietro tornano dall’interrogatorio che gli hanno fatto i sacerdoti e riferiscono quanto accaduto. La comunità si spaventa, ma subito comincia a pregare. «Non si sono fermati a misure prudenziali, “No, adesso facciamo questo, andiamo un po’ più tranquilli …”: no. Pregare. Che fosse lo Spirito a dire loro cosa dovessero fare. Innalzarono la loro voce a Dio dicendo: “Signore!”, e pregano. Questa bella preghiera di un momento buio, di un momento in cui devono prendere delle decisioni e non sanno cosa fare. Vogliono nascere dallo Spirito, aprono il cuore allo Spirito: che sia Lui a dirlo … E chiedono: “Signore, Erode, Ponzio Pilato con le nazioni e i popoli di Israele si sono alleati contro il tuo Santo Spirito e Gesù”, raccontano la storia e dicono: “Signore, fa’ qualcosa!”. “E ora, Signore, volgi lo sguardo alle loro minacce”, quelle del gruppo dei sacerdoti, “e concedi ai tuoi servi di proclamare con tutta franchezza la tua Parola” – chiedono la franchezza, il coraggio, di non avere paura – “stendendo la tua mano affinché si compiano guarigioni, segni e prodigi nel nome di Gesù”. “E quando ebbero terminato la preghiera, il luogo in cui erano radunati tremò, e tutti furono colmati di Spirito Santo e predicavano la Parola di Dio con franchezza”. È successa una seconda Pentecoste, qui».

I discepoli, le prime comunità «davanti alle difficoltà, davanti a una porta chiusa, che loro non sapevano come andare avanti, vanno dal Signore, aprono il cuore e viene lo Spirito e dà loro quello di cui hanno bisogno e vanno fuori a predicare, con coraggio, e avanti. Questo è nascere dallo Spirito, questo è non fermarsi al “dunque”, al “dunque” delle cose che ho sempre fatto, al “dunque” del dopo i Comandamenti, al “dunque” dopo le abitudini religiose: no! Questo è nascere di nuovo. E come si prepara uno a nascere di nuovo? Con la preghiera. La preghiera è quella che ci apre la porta allo Spirito e ci dà questa libertà, questa franchezza, questo coraggio dello Spirito Santo. Che mai saprai dove ti porterà. Ma è lo Spirito».

E poi le parole per la comunione spirituale:

«Ai tuoi piedi, o mio Gesù, mi prostro e ti offro il pentimento del mio cuore contrito che si abissa nel suo nulla e nella tua santa presenza. Ti adoro nel sacramento del Tuo amore, l’Eucaristia. Desidero riceverti nella povera dimora che ti offre il mio cuore; in attesa della felicità della comunione sacramentale voglio possederti in spirito. Vieni a me, o mio Gesù, che io vengo da Te. Possa il tuo amore infiammare tutto il mio essere per la vita e per la morte. Credo in Te, spero in Te, ti amo».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo