Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
Colloqui col Padre
 

Sprar, Cas, Cara: cosa significano le sigle

01/02/2019 

Gentilissimo direttore don Antonio, sono abbonata e lettrice della “nostra” bellissima rivista Famiglia Cristiana da molti anni. E mi piace assai. Non ho capito però il significato di alcune sigle scritte sul numero 50, a pag. 34, da monsignor Bregantini. Esse sono: Sprar, Cas, Cara. Per le persone addette ai lavori queste sigle rappresentano situazioni concrete, ma per me, bisnonna ottantacinquenne, sono ostrogote.

SERAFINA RAVIOLA

Cara bisnonna Serafina, hai perfettamente ragione: certe parole tecniche vanno sempre spiegate. È anche una regola di buon giornalismo, oltre che un segno di rispetto verso tutti i lettori. In realtà cerchiamo sempre di essere attenti a queste cose, ma qualche volta, magari per la fretta, ce ne dimentichiamo.

Ecco allora il significato delle parole citate. La sigla Sprar significa “Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati”. È un luogo dove i migranti arrivano non appena escono da Cas e Cara e ha lo scopo di renderli autonomi e di avviarli al mondo del lavoro attraverso corsi di italiano e attività formative. Con il recente Decreto sicurezza è stato ristretto l’accesso agli Sprar, che peraltro ora hanno un nuovo nome: “Sistema di protezione per titolari di protezione internazionale e per minori stranieri non accompagnati”.

I Cas sono i “Centri di accoglienza straordinaria”, ospitano temporaneamente persone che richiedono protezione internazionale e avrebbero diritto ad accedere al circuito degli Sprar. I Cara sono i “Centri accoglienza richiedenti asilo” e accolgono i migranti appena giunti in Italia in maniera irregolare ma che intendono chiedere la protezione internazionale.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo