Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 14 aprile 2024
 
Crescere un figlio insieme
 

«Videogiochi, svaghi e serate fuori: che spendaccioni gli adolescenti!»

28/02/2018 

Nella compagnia di mio figlio – sono quattordicenni iscritti al primo anno di liceo – sono soliti uscire al sabato sera. Solitamente mangiano fuori, poi vanno al cinema o in qualche pub. Mediamente un sabato sera non costa mai meno di venti euro. A questo sono da aggiungere le molte piccole spese della settimana: un gelato, una bibita, un videogioco. Non voglio che la crescita dei miei figli sia orientata solo alla rinuncia, ma sinceramente mi sembra che le parole risparmio e sobrietà siano completamente abolite dalla vita dei giovanissimi. Dopo che ha iniziato a frequentare il liceo, ho calcolato che mediamente lui spende in pizze e in cibo “condiviso” con gli amici fuori di casa quasi cento euro al mese. Ai quali vanno aggiunti i piccoli acquisti, i vestiti, le ricariche del cellulare. Secondo lei è giusto mettere un limite alle spese di un quattordicenne? E quale dovrebbe essere questo limite? Temo che dargli “una stretta” in questo senso lo porti poi a fare la figura del tirchio o a perdere occasioni di incontro e socializzazione con i compagni.

CLOTILDE

— In effetti, cara Clotilde, noi stiamo crescendo una generazione i cui desideri, aspirazioni e consumi sono nelle mani degli strateghi del marketing delle multinazionali. Anche la voglia di aggregazione e stare insieme, che da sempre connota l’età adolescenziale, oggi è diventata un bene di mercato e non appena un figlio entra in questa fase della vita, la sollecitazione che riceve è quella di aggregarsi in luoghi dove ciò che conta non è il valore dell’amicizia e dello stare insieme, bensì l’entità del profitto e del denaro che viene speso. Ciò che ti rattrista è raccontato molto bene in un saggio scritto da un giornalista che è anche padre, Antonio Polito, che nel suo Riprendiamoci i nostri figli. La solitudine dei padri e la generazione senza eredità (Marsilio ed.) condivide la tua medesima preoccupazione educativa, affermando: «Noi li invitiamo a non buttare i soldi dalla finestra e i loro amici comprano tutto ciò che vogliono». Forse dovremmo reimparare ad aprire le nostre case, a stimolare che l’aggregazione dei più giovani avvenga in luoghi dove devono mettere in gioco la loro creatività, espressività, voglia di fare e di essere protagonisti, piuttosto che luoghi in cui c’è sempre un biglietto da comprare per garantirsi l’ingresso o un conto da pagare alla fine del pasto. Spendere 100 euro al mese in cibo “conviviale” durante le uscite con gli amici è davvero tanto, quando si hanno solo 14 anni. Perché non proponi a tuo figlio e ai suoi amici, magari sentendo anche gli altri genitori, che al sabato sera si organizzino per cucinare un pasto a casa di una delle vostre famiglie, senza recarsi al pub o in pizzeria?

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo