Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 
asia
 

L'India al voto. Gli elettori sono quasi un miliardo

18/04/2024  Le operazioni di voto cominciano il 19 aprile e si chiuderanno il 1° giugno. I risultati si conosceranno il 4 giugno. Nettamente favorito il primo ministro in carica, Narendra Modi, che punta al terzo mandato

Dal 19 aprile l’India va a votare per il rinnovo del Parlamento e sono subito numeri da record. Gli elettori chiamati alle urne sono 969 milioni (già del doppio degli abitanti dell’Unione Europea). Secondo la Commissione elettorale, il numero di donne registrate per il voto è aumentato di 40 milioni rispetto alle precedenti elezioni del 2019, mentre più di 20 milioni di elettori di età compresa tra i 18 e i 29 anni si sono aggiunti all’elettorato. I centenari iscritti al voto sono 218 mila. I partiti sono 2.600. La Commissione elettorale indiana dispiegherà 15 milioni di persone per supervisionare le operazioni di voto. Si voterà anche nel seggio più elevato al mondo, tra i monti dell’Himalaya, a una quota di 4.650 metri.

A causa delle dimensioni del territorio,  le votazioni non si svolgono in un unico giorno, ma sono suddivise in sette fasi nei diversi Stati, per una durata complessiva di quasi sei settimane: 44 giorni. Le operazioni di voto si chiuderanno il 1° giugno e i risultati saranno dichiarati il 4 giugno.

Gli indiani voteranno per 543 seggi della Camera bassa del Parlamento, chiamata Lok Sabha, con altri due seggi nominati dal presidente del Paese. Il partito che otterrà la maggioranza nominerà uno dei suoi candidati vincitori come primo ministro e formerà il governo.

Le analisi degli esperti e i sondaggi sono concordi. Il grande favorito del voto è l’attuale primo ministro Narendra Modi, 73 anni, leader del  partito Bharatiya Janata (BJP), al potere dal 2014 e alla ricerca di un terzo mandato. In un decennio Modi ha lasciato il segno nel panorama politico e culturale indiano, esaltando il nazionalismo indù, ponendo freni alla libertà di stampa, indebolendo i diritti delle minoranze, soprattutto quella musulmana e anche la cristiana. L’11 marzo scorso è entrata in vigore la legge che consente la regolarizzazione nel Paese solo ai migranti non musulmani provenienti da Pakistan, Bangladesh e Afghanistan. Open Doors International, un’organizzazione protestante che segue le persecuzioni anticristiane in tutto il mondo, classifica attualmente l'India come l'undicesima nazione più pericolosa per i cristiani, affermando che "i cristiani in tutta la nazione indiana si trovano sempre più sotto minaccia".

In questi anni Modi ha voluto imporsi come un leader globale. Ha stretto legami con i leader mondiali, tra cui il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il Primo Ministro del Regno Unito Rishi Sunak. Sembrano molto buoni anche i rapporti con Giorgia Meloni. Per Modi il momento più importante sulla scena mondiale è arrivato quando ha ospitato il vertice del G20 a Delhi lo scorso anno, dove è emerso come voce del mondo in via di sviluppo, il cosiddetto “Sud globale”.

Come ha scritto la rivista Wired, Modi “appare favorito grazie all’enorme seguito guadagnato sui social e in particolare su YouTube. A 73 anni, la sua abile gestione della comunicazione online sta influenzando anche le campagne elettorali degli oppositori, definendo il comportamento che i politici di tutto il mondo potrebbero dover mantenere nelle future elezioni”.

Di fronte allo strapotere di Modi l’opposizione è in affanno. In vista delle elezioni è stata creata una coalizione di ben 27 partiti denominata I.n.d.i.a (Indian National Development Inclusive Alliance), ovvero l’Alleanza inclusiva indiana per lo sviluppo nazionale. La forza politica principale dell’opposizione è il Partito del Congresso, il cui leader è Rahul Gandhi, figlio di Sonia, vedova di Rajiv Gandhi. Alla vigilia delle elezioni Rahul Gandhi ha invitato i militanti e a fare di tutto per salvare la Costituzione e la democrazia indiane. Tuttavia la coalizione è andata in pezzi a causa delle dispute sulla leadership e sulla spartizione dei seggi. Non è neppure emersa una figura  forte di candidato premier. Così, nell’India che va al voto, risalta solo l’uomo solo al comando, Narendra Modi.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo