Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 

Non c’è più spazio per l’ansia, la paura, il terrore perché ogni cosa è nelle mani di Dio

Gv 6,35-40 - Mercoledì della III settimana di Pasqua (17 aprile 2024) - 

Il Vangelo di oggi risponde a una domanda molto semplice: qual è il vero scopo della missione di Gesù?

E’ Lui stesso che risponde a questa domanda: “Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me; colui che viene a me, non lo respingerò,  perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato, che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma lo risusciti nell'ultimo giorno”. Lo scopo della missione di Gesù è non perderci. E l’unica cosa che può opporsi a questo scopo non è il male, poiché Egli lo ha vinto, ma solo la nostra libertà perché Egli ci ha voluti liberi fino in fondo. Ma se liberamente ci lasciamo amare da Cristo dobbiamo coltivare l’intima e vittoriosa certezza che non potremmo in nessun modo sfuggire dalla Sua presa. E ciò non è valido solo per le circostanze avverse della vita ma soprattutto per quella esperienza così grande e terribile della morte. Infatti è proprio dalla morte che ci ha salvati.

Questa serenità ci permette di vivere ogni istante della nostra vita con un atteggiamento diverso. Non c’è più spazio per l’ansia, la paura, il terrore perché ogni cosa è nelle Sue mani. Dio è con noi e questo deve poter fare la differenza. Ma dobbiamo stare attenti a non pensare che Egli sia un porta fortuna. Il fatto che è dalla nostra parte non sta a significare che tutto andrà sempre come vogliamo, ma significherà che anche le più grandi avversità potremmo affrontarle senza temerle.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


16 aprile 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo