Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 21 luglio 2024
 

Come cristiani dobbiamo imparare a chiedere a Cristo il Padre

Gv 14,7-14 - Sabato della IV settimana di Pasqua (27 aprile 2024) - 

«Signore, mostraci il Padre e ci basta». Le parole sintetiche e lapidarie di Filippo sono un’accorata giaculatoria che sovente ripetiamo nel nostro cuore magari usando semplicemente parole simili: “Signore mostraci ciò che conta e ci basta”.

Il Padre è “ciò che conta”, è il senso della vita, è il significato dell’esistenza, è la motivazione per cui le cose valgono la pena. E ci sembra che proprio Lui sia ciò che di più nascosto possa esistere. Ma Gesù non elude questa richiesta: “Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me ha visto il Padre. Come puoi dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me; ma il Padre che è con me compie le sue opere”.

Solo quando si prende sul serio Cristo si riesce a prendere sul serio anche quel Padre che percepiamo così misterioso e nascosto. Gesù ha reso visibile ciò che noi sperimentiamo sempre come invisibile. Più si entra in rapporto a Cristo e più si entra in relazione con il senso nascosto della vita, con ciò che ne fa da fondamento. E questa non è una faccenda meramente intellettuale ma è una vera e propria esperienza. È la stessa differenza che corre tra chi vede un documentario sulle meraviglie della montagna e chi invece si mette a camminare realmente su quella montagna.

Gesù non è venuto a raccontarci storie, né a renderci spettatori di esperienze di altri. Gesù è venuto a trasformare ciascuno di noi in protagonisti e a tirare fuori dalle nostre vite delle esperienze, e non dei semplici ragionamenti. E quando si entra nel territorio dell’esperienza può anche darsi che le nostre siano più spericolate di quelle di Cristo stesso: “In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre”. Ma ciò che conta è sapere che tutto il meglio e anche il di più passa sempre attraverso di Lui. In questo senso come cristiani dobbiamo imparare a chiedere a Cristo il Padre, a chiedere a Cristo ciò che conta.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


26 aprile 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo