Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 

La fede è sobria, semplice, discreta e proprio per questo grande e affidabile

Matteo 8,5-11 - Lunedì della I settimana di Avvento (4 dicembre 2023) - 

La storia del centurione raccontata nel Vangelo di oggi, contiene due dettagli che molto spesso sfuggono alla nostra attenzione. L’uomo in questione non è un credente, né un israelita, eppure mostra due caratteristiche che dovrebbero essere tipiche di un credente. La prima è la sua compassione: “Entrato in Cafarnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava: «Signore, il mio servo giace in casa paralizzato e soffre terribilmente»”.

Si noti bene che non sta scongiurando Gesù per se stesso o per un suo familiare, ma per un suo servo. Quest’uomo non rimane indifferente davanti alla sofferenza del suo servo, e questo dovrebbe colpirci molto perché all’epoca i servi erano considerati alla stessa stregua di oggetti e non certamente di persone. Invece questo centurione mostra un’umanità che sa andare oltre i condizionamenti sociali e culturali, e manifesta una delle caratteristiche che Gesù ama di più: la capacità di usare il cuore, essere cioè compassionevoli.

La seconda caratteristica è la fede, intesa non come la ricerca di segni straordinari ma come la totale fiducia in Gesù fino al punto dal dispensarlo di andare a casa sua, o da dargli prova della Sua potenza. Il centurione crede fino al punto di non volere segni. Gesù loda una fede così e ci dà un criterio di giudizio rispetto a quelle esperienze che noi normalmente chiamiamo di fede, ma che altro non sono se non il gusto di collezionare segni straordinari, e manifestazioni del sacro che più che manifestare Dio diventano invece il palcoscenico di qualcuno.

La fede è sempre sobria, semplice, discreta e proprio per questo grande e affidabile. Ciò non toglie che Dio possa agire anche con segni eclatanti, ma non è la Sua via ordinaria. Compassione e fede rendono il centurione più affidabile agli occhi Gesù. Su queste due cose dovremmo verificare la nostra vita.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


03 dicembre 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo