Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 

La via dell’umiltà ci sintonizza con Dio

Luca 10,21-24 - Martedì della I settimana di Avvento (5 dicembre 2023) - 

Il tempo dell’Avvento non è solo un tempo che ci separa da una festa così importante come il Natale, ma è soprattutto un tempo di conversione. Prendere sul serio la conversione significa ricordarsi che affinché Gesù possa nuovamente tornare e trovare spazio nella nostra vita, e in questa storia, dobbiamo crearne le condizioni giuste.

Nella pagina del Vangelo di oggi viene detto esplicitamente in che cosa consistono queste condizioni giuste: “Io ti rendo lode, Padre, Signore del cielo e della terra, che hai nascosto queste cose ai dotti e ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli. Sì, Padre, perché così a te è piaciuto”.

Non a caso nessuno dei sapienti dell’epoca ebbe la gioia di trovare Gesù. Nessun potente dell’epoca seppe come fare per riconoscerlo. Ed è paradossale che proprio i sapienti della corte di Erode diano indicazioni giuste ai Re Magi, ma nessuno di essi si mise in cammino per cercalo. E persino Erode per trovare quel bambino non riuscì a fare di meglio che ordinare di uccidere tutti i bambini del contado di Betlemme. Invece i pastori ebbero la gioia di trovare, vedere e riconoscere Gesù. E anche i Magi ebbero questa gioia quando si fecero piccoli fino a prostrarsi davanti a un bambino in fasce adagiato in una mangiatoia.

Solo la via dell’umiltà ci sintonizza con Dio. Ogni altra via ci conduce lontano, ci fa perdere, ci fa incattivire. Tutta la vita cristiana potrebbe ridursi a un unico grande sforzo: diventare piccoli. Da piccoli, da umili, da semplici, da disarmati, da accoglienti, riceviamo la grazia di vedere Dio all’opera e di saperlo riconoscere in cose e situazioni che solo uno sguardo sanato può vedere realmente.

Vai alle LETTURE DEL GIORNO


04 dicembre 2023

 
Pubblicità
Edicola San Paolo