logo san paolo
martedì 28 giugno 2022
 

Dopo la Svezia, la Gran Bretagna: è ora di riconoscere la Palestina?

Ed Miliband (Reuters).
Ed Miliband (Reuters).

Con 274 "sì", il Parlamento inglese ha approvato (servivano 262 voti a favore) una raccomandazione bipartisan affinché il Governo riconosca "lo Stato palestinese accanto a quello di Israele". Nulla di immediatamente operativo ma un gesto ugualmente clamoroso: la mozione è stata presentata dal un deputato laburista, cioè del partito guidato e diretto da Ed Miliband, figlio di una coppia di ebrei scampati ai campi di concentramento nazisti.

Al Governo di Israele la cosa non è piaciuta, ovvio. E' indubbio, però, che in proposito la sensibilità mondiale stia cambiando. Due anni fa, l'Assemblea generale dell'Onu aveva promosso la Palestina al rango di "Stato osservatore non membro" (la stessa posizione del Vaticano, per dire) con il parere favorevole di 138 Stati. In questi casi di solito si sottolinea che il "sì" è stato votato anche da Paesi inaffidabili, o che contano poco, o che sono dichiaratamente ostili a Israele. Forse. Però il "no" ebbe solo 9 voti: alcuni di questi scontati (quello di Israele ma anche quello di Panama, di fatto un "protettorato" americano), alcuni importanti (Usa, Canada, Repubblica Ceca), altri un po' buffi (Isole Marshall, Micronesia, Naru e Palau).

Pochi giorni fa, infine, è arrivato dalla Svezia l'annuncio del neo-premier Stefan Lovfen, che si è impegnato a riconoscere la Palestina come Stato, facendo ovviamente infuriare Israele.  In quell'occasione, i portavoce del ministero degli Esteri israeliano aveva dichiarato che il premier svedese non aveva capito "che chi ha costituito negli ultimi venti anni un ostacolo tra gli israeliani e i palestinesi sono proprio questi ultimi". Tra le decisioni simboliche e gli atti politici la distanza è molta. Però il punto è proprio lì:  che la pace non ci sia solo per colpa dei palestinesi è una tesi a cui non crede più nessuno, o quasi. Soprattutto quando tutti, ufficialmente, ancora dicono di voler arrivare alla soluzione dei "due Stati per due popoli".

Questi e altri temi di esteri anche su fulvioscaglione.com

14 ottobre 2014

I vostri commenti
3

Stai visualizzando  dei 3 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo