logo san paolo
lunedì 20 febbraio 2017
 
Scuola
 

Perché bisogna alzarsi in piedi quando entra l’insegnante

25/11/2016  Una mamma affronta i primi giorni di scuola media del figlio: «Ora ai bambini viene detto ogni giorno che devono imparare a stare al loro posto, a imparare ad alzarsi in piedi quando entra l'insegnante e a noi genitori che non sono “scolarizzati”. Alle elementari non era così» Esagerazioni o...

Gentile professoressa, ho un figlio che ha iniziato quest’anno la scuola media, e l’inizio è stato particolarmente problematico. Alla scuola elementare, le maestre permettevano ai bambini di alzarsi spesso, non era richiesto il permesso per buttare la carta nel cestino e men che meno dovevano alzarsi in piedi all’arrivo dell’insegnante. Ora, arrivati alla scuola media, questi bambini ogni giorno si sentono dire che devono imparare a stare al loro posto e a noi genitori alla riunione di classe è stato detto che non sono “scolarizzati”. Non le sembra un po’ una esagerazione? O forse non sarebbe opportuno pretendere altre cose rispetto all’alzarsi in piedi?

CARLA 

Cara Carla, come è duro crescere e come ci sembrano a volte eccessive e insensate le richieste degli adulti in generale e degli insegnanti in particolare. Sono sicura che per te come per me non era un problema alzarsi in piedi quando arrivava l’insegnante. Ovviamente la scuola di oggi è per molti aspetti diversa da quella che abbiamo vissuto, e per fortuna molte formalità sono state archiviate. Quello che purtroppo non è cambiato è lo spazio a disposizione, mentre il tempo a scuola è diventato lungo, soprattutto alla scuola elementare.

Oggi la maggior parte dei bambini frequenta il tempo pieno, e per le maestre è davvero difficile gestirli per così tante ore pretendendo pure che stiano sempre dietro il banco come gli scolaretti del “libro Cuore”. Così tocca agli insegnanti della scuola media scolarizzare, gran brutto termine, quei bambini che stanno diventando adolescenti. In alcuni casi però non ci si rende conto che puntando tutto sul controllo, si potrebbero alla lunga creare dinamiche ancora più difficili da gestire.

Detto ciò, credo che sia giusto chiedere ai ragazzi un momento di attenzione per l’ingresso in classe dell’insegnante. Non è né una richiesta eccessiva né tanto meno autoritaria. Anzi quella che può sembrare solo forma è in realtà sostanza; quel semplice gesto serve per segnare un momento di rottura tra il prima e il dopo, per rimettere ordine nell’inevitabile disordine che si crea quando un insegnante esce e un altro entra, dando così a tutti la possibilità di ricordare dove siamo e cosa stiamo facendo.

Credo che gli insegnanti di suo figlio abbiano voluto sottolineare come questo piccolo gesto faccia parte di quella buona educazione che solo scuola e famiglie alleate possono efficacemente insegnare. Cara amica, certe formalità come questa che possono sembrare un inutile esercizio di autocontrollo a volte sono quelle che nella vita potrebbero anche fare la differenza. Oltre, ovviamente, alle nostre conoscenze e capacità.

Multimedia
"La scuola che vogliamo": tutti i risultati del sondaggio
Correlati
Speciale Giubileo della Misericordia
I vostri commenti
25
scrivi

Stai visualizzando  dei 25 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo