Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 13 aprile 2024
 
Chiedilo a Credere
 
Credere

La volontà di Dio passa per il tuo Desiderio

06/08/2020  Questo volere è per noi il massimo bene, è il compimento nuziale della nostra esistenza. La riflessione del teologo Robert Cheaib

So di fare un’affermazione pericolosissima, ma non sono solo io a farla. C’è tutta una tradizione spirituale cristiana che lo sostiene: «La volontà di Dio passa per il tuo Desiderio». Ciò detto, sottolineo la pericolosità dell’affermazione e la conseguente necessità di chiarirla.

Il primo equivoco da smontare è quello della “legge dell’attrazione”, che sostiene che ciò che credi e desideri veramente, sia esso bene o male, ti viene incontro e/o ti accade. Mettiamo subito le cose in chiaro: la mia affermazione di cui sopra non ha nulla a che fare con la “legge dell’attrazione”! Di che si tratta allora? Si tratta di qualcosa di molto più tangibile e basilare.

Cerchiamo di capirlo alla luce dell’insegnamento dei padri del deserto. Per gli asceti cristiani dell’antichità, la volontà di Dio per l’uomo nasce dal Suo desiderio (thélema) riguardo all’uomo e dal Suo amore per la creatura fatta a sua immagine e somiglianza. Questo volere non è un arbitrio divino sull’uomo, ma un volere-bene per l’uomo, un voler bene che culmina nell’unione dell’uomo con il Sommo Bene che è Dio stesso. In altri termini: la volontà di Dio per noi è il massimo bene, è l’autodonazione a Dio, il compimento nuziale della nostra esistenza. Questa volontà di Dio ha il suo corrispettivo speculare nel cuore dell’uomo. I medievali lo chiamano: desiderium naturale videndi Deum (un desiderio naturale di vedere Dio). Dentro di noi c’è un anelito che aspira a Dio e che si esprime in modo celato in ogni nostro volere e in ogni nostro desiderio.

L’obiezione – prevedibilissima – allora sarebbe: ma se ho dentro di me il desiderio di Dio, allora tutto ciò che desidero è volontà di Dio? A volte mi viene il desiderio di tagliare le orecchie al mio vicino che mette la musica a palla in orari improponibili. Questo desiderio è volontà di Dio? Naturalmente no. Infatti i maestri spirituali ci insegnano che – purtroppo – il nostro desiderio è coperto dalle ceneri dei nostri desideri disordinati.

E tutta l’ascesi del discernimento passa proprio tramite la distinzione tra desideri e.meri e Desiderio profondo (non a caso, dall’inizio di quest’articolo l’ho scritto rigorosamente con la maiuscola). Di questa separazione tra grano e pula parleremo la prossima volta. Per questa volta abbracciamo questa verità: che il desiderio in noi non è solo concupiscenza o tendenza al male, ma che può essere una bussola che ci indica il polo di Dio.

Inviate le vostre domande a lettori.credere@stpauls.it

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo