Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 28 maggio 2024
 
La comunità ucraina di Milano
 
Credere

Così aiutiamo le nostre famiglie in guerra

17/03/2022  Pur travolte dall’angoscia, Marika, Nataliya e Mariana pregano e raccolgono viveri e medicine da mandare in patria: «Grazie agli italiani che ci stanno aiutando. I cuori si sono aperti, dobbiamo restare uniti»

Quando incontro a Milano la mia amica Marika, in Ucraina sono al decimo giorno di guerra. Marika non si è mai fermata, durante la pandemia con la sua associazione Rinascita dell’Ucraina è riuscita a realizzare un suo sogno: una scuola al sabato a Milano per bambini ucraini, che aiuti a mantenere vive le loro radici e la loro lingua. È sabato oggi, ma la scuola è quasi deserta. Mentre parliamo il suo telefono continua a vibrare: chi le chiede informazioni, chi un indirizzo a cui far arrivare gli aiuti. Senza sosta. Mi guarda con occhi azzurrissimi e mi dice: «Adesso si sono aperti tanti cuori per l’Ucraina». È stanca e non ha più voce: ieri ha rischiato di perdere il suo lavoro. «Continuava a suonarmi il telefono, non riuscivo a lavorare».

FAMIGLIE DIVISE

Sono diciott’anni che Marika è in Italia, la sua casa è vicino a Ternopil’, nell’Ucraina occidentale: «All’inizio uno si dice: è per poco tempo, poi non si riesce più a tornare. I miei due figli sono a Chicago con le famiglie ma in Ucraina ho tanti parenti. Parlo ogni giorno con mia cugina di Ternopil’, lavora in una grande panetteria che è rimasta chiusa per giorni. Ha una figlia che è scappata da Kiev con il bambino piccolo insieme a un’altra famiglia, che aveva appena comprato la casa con il mutuo, ma la casa ora è distrutta. E molto probabilmente lei stessa non ha più la casa. Anche nel mio paese la sera c’è il coprifuoco: ogni ora suonano le sirene e si rifugiano tutti nella cantina, per tre, quattro ore, ma fa freddo, e ci si arrangia come si può. Ho detto “venite da me, vi posso ospitare”, ma hanno paura: tanti sono stati uccisi mentre Scappavano. La famiglia di una mia parente è arrivata a Milano con i bambini piccoli: sono scappati da Irpin, vicino a Kiev: lì non c’è più nulla, è tutto bombardato. Molti pensano: se si ferma il conflitto tutti possono tornare a casa, ma non si pensa che le case non ci sono più».

L'INCUBO DELLE BOMBE

Nataliya si siede vicino a me e Marika: ha appena finito la sua ora con i bambini. Ha gli occhi cerchiati, non dorme da giorni: «Arrivo da un paese vicino ai Carpazi, a occidente: per ora lì è stato bombardato solo l’aeroporto di Ivano-Frankivs’k. Ci sono i miei parenti là: mio fratello, i miei cugini. I bambini più piccoli non capiscono, ma i più grandi hanno gli incubi, e non riescono a dormire. Di sera c’è buio totale e silenzio ed è una cosa angosciante. Ho delle sorelle che vivono in Russia a San Pietroburgo dall’età di quindici anni, erano andate lì a studiare. Hanno tanti amici russi che le sostengono, sanno da che parte sta la verità ma anche lì la situazione è difficile: non c’è più Facebook né Telegram, è vietato parlare di guerra, rischi l’arresto». Nataliya vive a Cinisello Balsamo da quasi 15 anni, ha iniziato come badante e intanto si è laureata in Lingue; si sta specializzando e lavora come mediatrice culturale e traduttrice. «Mio fratello e i nipoti maschi non possono muoversi: dai diciotto ai sessant’anni devi esser pronto a combattere. Mi dicono che confidano in Dio: accettano la propria sorte. Come sorella mi si strappa il cuore. Di notte ho gli incubi, ho sognato il mio paese e la mia scuola, ero in cantina, c’erano i bombardamenti e mi sentivo soffocare. Qui ci sosteniamo tra noi: il primo giorno era una disperazione totale, mi sembrava di vivere una situazione surreale, non mi capacitavo che potesse accadere una cosa simile. Poi mi sono detta: no, bisogna reagire e aver fiducia. La preghiera aiuta, personalmente prego tanto: oggi ho parlato con mia cugina e mi raccontava che tutti giorni nel mio paese le persone vanno in chiesa. Tutti i giorni ci sono Messe per la pace. È tutto quello che possono fare».

L SOLIDARIETÀ DEL PAESE

Mariana arriva di corsa. Sembra una ragazzina ma ha 28 anni: è lei che coordina gli insegnanti e si relaziona con i genitori della scuola di Milano. Il marito, con lei in Italia, sta andando avanti e indietro con un pulmino carico di aiuti fino al confine: arriva all’alba, dorme qualche ora e poi riparte. «Abito in zona Baggio da quasi cinque anni. Sono insegnante di musica, ma qui il diploma non è riconosciuto, e sto studiando. Faccio altri lavori, come tutti. Cerchiamo di aiutare da qua: raccogliamo cibo, coperte, pannolini, medicinali e poi li portiamo al Consolato. Ho chiesto nel mio quartiere se qualcuno voleva dare una mano: dopo appena un giorno, tornando a casa, ho trovato tutto il cortile del mio condominio zeppo di pacchi, non riuscivo neppure a passare, mi sono messa a piangere, i miei vicini mi hanno abbracciato forte. Mia mamma è qui da un mese e mezzo: ero stata operata e avevo bisogno; ho un bambino di tre anni. Ora è bloccata qui mentre papà è in Ucraina, come mio fratello e mia sorella. Abbiamo detto di venire da noi ma non vogliono lasciare il Paese. I primi giorni mi sentivo male: la testa sembrava imbottita di ovatta, come se non riuscissi a svegliarmi. Cerco di essere impegnata il più possibile e non guardo troppo i telegiornali». Nataliya mi ricorda la poesia di Gianni Rodari sulla luna di Kiev: «La luna è uguale e il sangue è uguale: ringrazio tutti gli italiani che ci chiedono cosa possono fare. I cuori si sono aperti. Non va bene stare da soli: appena sono arrivata ho abbracciato Marika e Mariana, non possiamo permettere di farci abbattere, dobbiamo restare unite».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo