Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 24 maggio 2024
 
Giornata Mondiale del sonno
 

I disturbi del sonno minacciano una persona su due

13/03/2015  Ricorre oggi la Giornata Mondiale del sonno con uno slogan eloquente: “Quando il sonno è (sano e) salvo, salute e felicità abbondano”. Se a soffrire di insonnia è il 9% della popolazione generale con ripercussioni sulla memoria e sulla salute.

Quando il sonno è (sano e) salvo, salute e felicità abbondano”. È questo lo slogan della Giornata mondiale del sonno che ricorre da qualche anno il 13 marzo. Scatenata dai problemi del sonno che rappresentano una vera e propria epidemia globale che minaccia salute e qualità della vita del 45% della popolazione mondiale

Promossa dalla Associazione Mondiale di Medicina del Sonno, la giornata si pone l'obiettivo di ridurre il peso globale dei problemi del sonno sulla società, attraverso la messa in atto di migliori interventi di prevenzione e gestione dei disturbi del sonno. Il sonno sano è uno dei pilastri della salute umana (insieme a sport e sana alimentazione). Quando non è adeguato, la salute declina e di conseguenza diminuiscono la qualità della vita e il livello di felicità degli individui. 

Sono ormai tantissimi gli studi che dimostrano che la carenza di sonno fa male alla salute: erode le capacità cognitive di un individuo con conseguenze anche permanenti se la carenza di sonno diviene cronica; aumenta il rischio di incidenti sul lavoro; favorisce diabete e obesità creando scompensi metabolici. Inoltre la carenza di sonno è particolarmente pericolosa nell'età dello sviluppo e mina le capacità di apprendimento di bambini e ragazzi e i loro risultati accademici a lungo termine. E ancora, i disturbi del sonno rappresentano un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie mentali quali ansia e depressione che poi a loro volta amplificano le difficoltà a dormire creando un circolo vizioso. 

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo