Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 
monza
 

La protesta solitaria di una mamma di quattro figli per il ritorno della scuola in presenza

08/01/2021  Con un cartello con la scritta "I care, riaprite la scuola, la dad non basta", Silvia Epicoco sta manifestando da sola davanti a un liceo di Monza

Prima di Natale l’aveva promesso ai suoi quattro figli, di cui due alle superiori: «Se il 7 gennaio la scuola non riaprirà andrò da sola a manifestare di fronte a una delle vostre scuole». E quando è arrivato l’ennesimo slittamento della ripresa delle lezioni in presenza alle superiori ha mantenuto fede alla sua promessa: ieri mattina ha scritto il suo cartellone e prima di andare al lavoro si è piazzata davanti ai cancelli del Liceo Mapelli delle scienze applicate di Monza, dove la figlia maggiore frequenta il quinto anno, ed è rimasta lì i piedi per un’ora. Stamattina ha ripetuto la sua protesta solitaria, stessa cosa farà domani. Lei è Silvia Epicoco, 46 anni, una laurea in farmacia e un lavoro come ricercatrice clinica. Nei giorni delle proteste diffuse in tante piazze italiane che vedono scendere in strada armati di cartelli genitori, studenti e professori, Silvia ha deciso di prendere un’iniziativa personale, dare la sua testimonianza come cittadina e come madre. «Nella mia città non ci sono manifestazioni pubbliche e per motivi di tempo non riesco ad andare a quelle di Milano, ma volevo esserci in qualche modo. Ho anche provato a coinvolgere altri genitori ma non ci sono riuscita. Questo però non mi ha fermato: il liceo si trova in una zona periferica, senza passaggio di gente, e allora domani mi sposterò davanti al liceo classico Zucchi che si trova nel centro di Monza. Per me una scuola vale l’altra, quello che conta e lanciare il mio messaggio. Io capisco la pandemia, lavoro in campo medico, ma considero la scuola una priorità. Sono disposta a fare qualsiasi sacrifico, rinunciare a tutto per poter dare ai miei figli una cosa essenziale come la scuola in presenza.  E questa prolungata chiusura è una sconfitta per tutti. A me sembra che non si stia rinunciano praticamente a niente, e che solo l’istruzione sia sacrificata». 

«Ho provato tanta rabbia e impotenza, e ho fatto questa promessa alla mia famiglia. Le mie figlie non volevano, ma io intendevo mantenere fede alla mia parola e mi sono fatta coraggio. Per me è la prima volta di un’azione così eclatante, e ora che l’ho fatto mi sento più forte. Questo dovrebbe far capire a chi deve prendere le decisioni a quale livello di disperazione tanti genitori come me sono arrivati».

Nel suo cartello comapre la scritta I care, il celebre motto di don Lorenzo Milani. E chissà che cosa avrebbe detto lui di questo abbandono prolungato dei ragazzi davanti a uno schemro.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo