logo san paolo
sabato 27 novembre 2021
 
 

Lega e Nord, le ragioni di un amore

07/04/2012  Il "fisco facile" e il lavoro a basso costo degli immigrati: questi i regali della Lega Nord al Nord che l'ha sostenuta fino a ieri.

Un immigrato in un centro di accoglienza di Genova (foto del servizio: Ansa).
Un immigrato in un centro di accoglienza di Genova (foto del servizio: Ansa).

I giornali di questo periodo sono colmi di articoli pensosi sulle sorti della Lega Nord e di Umberto Bossi. Molta retorica, inoltre, viene spesa sul partito che “aveva dato voce al Nord”, aveva interpretato “i sentimenti del popolo del Nord” e così via, esagerazione dopo esagerazione. Ciò che bisognerebbe chiedersi, invece, è: perché il famoso Nord, sede della borghesia più industriosa e della massima concentrazione industriale d’Italia, ha in parte cospicua deciso di farsi rappresentare dalla classe politica leghista?


Da un partito da sempre privo di qualunque forma di democrazia interna e dal 2004 inchiodato a un leader dimezzato da una grave malattia? Da una leva che ha prodotto buoni dirigenti locali ma ha combinato pasticci ogni volta che si è cimentato con il governo dei problemi nazionali, dalla famosa legge Bossi-Fini al Pacchetto Sicurezza (ronde comprese, ricordate?) fino all’amatissimo federalismo, risoltosi in un gran pasticcio di decreti, regolamenti e rinvii. Da  leader e ministri (mica solo il Trota) che ancora l’altroieri andavano festanti a farsi battezzare da Bossi con l’acqua del Po?

La Lega non è finita con la malattia di Umberto Bossi, e nemmeno con la palude in cui, tra il 2010 e il 2011, è andato a impantanarsi il federalismo. La Lega è finita nel 2006, quando la “sua” legge sul federalismo è stata cancellata, a stragrande maggioranza, dal referendum. A dimostrazione che la sua concreta influenza politica non andava oltre il Po e l’asse privilegiato con Silvio Berlusconi, e che il federalismo leghista in Italia, dall’Italia, molto semplicemente, non sarebbe mai stato approvato.

Quindi, che cos’ha trovato la famosa borghesia del Nord nella Lega?  Due cose, entrambe molto prosaicamente e concretamente legate agli interessi economici. La prima: un guardiano “da destra” alla politica fiscale di Berlusconi. Non è un caso se il guru dell’Economia è stato per tanti anni Giulio Tremonti, il più leghista dei berlusconiani, l’uomo che ha regalato alle partite Iva e agli industriali del Nord ben 4 scudi fiscali. Per meglio dire: condoni fiscali spacciati per “scudi”, visto che la quota a carico dell’evasore pentito non ha mai superato il 5% (ma è stata anche del 2,5%), mentre altrove (Rajoy, in Spagna, ha appena varato il suo scudo, ma con una tassa del 10%), a livelli irrisori rispetto al resto del mondo.

Seconda cosa: la Lega Nord, con le sue politiche in fatto di immigrazione, ha fornito all’imprenditoria del Nord la manodopera a basso costo di cui essa aveva bisogno per reggere alla concorrenza internazionale. Sembra un paradosso e non lo è. Intanto, la legge Bossi-Fini del 2002 ha prodotto la più gigantesca sanatoria della storia repubblicana: 750 mila stranieri furono regolarizzati con un tratto di penna. Poi, con il controllo leghista dei flussi e, più in generale, con l’atteggiamento xenofobo e discriminatorio (che peraltro non si è mai davvero accompagnato a una reale riduzione del numero degli immigrati), si è impedita qualunque riflessione sui diritti degli stranieri, tenuti esattamente nello stato di cui il Nord produttivo aveva bisogno: parità di doveri, disparità di diritti.

Basta osservare il caso del Nord Est, locomotiva del Paese, per capirlo. In quella macroregione, il 9,6% degli imprenditori è di origine straniera e l’8,3% delle imprese ha proprietà detenuta in prevalenza da stranieri. La disoccupazione, tra gli stranieri, è al 10,7%, non molto più alta di quelli generale che si registra in Italia: 9,3%. Nel 2009, i contribuenti di origine straniera hanno dichiarato al fisco 4,6 miliardi di euro in Veneto e 4,2 in Emilia Romagna. Quindi, nelle regioni dove la Lega è più forte, gli stranieri arrivano, si insediano, lavorano, pagano le tasse. Curioso, no? 

Andiamo però a vedere l’altra faccia della medaglia, quella dei diritti. Nel Nord Est il lavoratore straniero guadagna in media poco più di 1.000 euro netti al mese, 255 euro meno del corrispondente lavoratore italiano. Il 42,2% delle famiglie straniere vive sotto la soglia della povertà (l’analogo dato tra le famiglie italiane è del 12,6%) e solo il 13,8% di esse è proprietaria della casa in cui vive. Le altre spendono circa il 25% di quanto guadagnano per pagare l’affitto. Sono i dati di una recentissima ricerca pubblicata dalla Fondazione Moressa e dall’Oim (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni).

Ecco le ragioni per cui in questi anni una parte del Nord si è “innamorata” della Lega. Il resto, dalla Padania a Roma ladrona, è quasi tutto retorica.

I vostri commenti
7

Stai visualizzando  dei 7 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo