Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 15 aprile 2024
 
 

Legge retroattiva, nazionalità negata

17/12/2013  La Commissione Interamericana per i Diritti Umani ha concluso nei primi di dicembre la sua visita in Repubblica Dominicana con un amaro comunicato stampa che descrive le pesanti discriminazioni a cui sono sottoposti i dominicani di origine haitiana

Migranti, rifugiati e sfollati: è per loro che il 18 dicembre si celebra la III Giornata d'azione globale dei diritti. Persone che a qualsiasi latitudine, per le più svariate ragioni, vengono private dei diritti più elementari da governi dittatoriali e leggi discriminatorie. Una vicenda che incarna tutti gli elementi e i principi su cui si basa questo appuntamento è quella della Repubblica Dominicana che quest'anno Soleterre ha eletto a emblema del proprio impegno: sulla scorta dei risultati della visita della Commissione Interamericana per i diritti umani sull'isola, l'organizzazione ha voluto una volta di più far sentire la propria voce per dare testimonianza di quello che è possibile fare attraverso la figura dei difensori dei diritti umani dei migranti unendosi alla denuncia del Servizio gesuita per i rifugiati e di tutte quelle associazioni che chiedono di fermare il genocidio civile. L'amaro comunicato diffuso dalla Commissione parla chiaro: l'87% della migrazione internazionale in Repubblica Dominicana è ovviamente costituito da haitiani che danno un contributo determinante in termini di manodopera edilizia e agricola ma sono vittime di crescenti attacchi xenofobi e discriminatori, non solo e non tanto dai dominicani quanto da chi li governa. 

Fino al 2010 era garantito lo ius soli che, almeno formalmente, garantiva ai minori la tutela dei loro diritti fondamentali. A ottobre una sentenza del Tribunale Costituzionale ha rimescolato le carte, privando arbitrariamente della nazionalità circa 200mila dominicani di origine haitiana. A questo va aggiunto un nuovo muro alzato nei confronti dei migranti: per avere un percorso regolare devono infatti sobbarcarsi procedure burocratiche più complesse e spese più elevate. Ora il visto costa tra i 70 e i 200 dollari ed è necessario un conto corrente bancario, scelta quanto mai discriminatoria alla luce del fatto che il 76%, vivendo al di sotto della soglia di povertà, ha altri problemi.

«Così - si legge in una nota di Soleterre - i migranti attraversano il confine illegalmente, spesso con l'aiuto di trafficanti di persone, i cosiddetti buscones, o piegandosi alle estorsioni degli agenti di frontiera. Sono vittime di soprusi e discriminazione, e spesso vengono inseriti nella tratta di persone, obbligati alla prostituzione e al lavoro forzato». Come spiega Valentina Valfrè, responsabile del programma diritti e partecipazione, «La xenofobia crescente nei confronti dei migranti haitiani e dei dominicani di ascendenza haitiana in Repubblica Dominicana ha ormai raggiunto proporzioni insopportabili».

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo