Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
mercoledì 24 aprile 2024
 
Povere famiglie
 

Negozi aperti alla domenica: i lavoratori sono in maggioranza donne

26/09/2018  Secondo i dati dell'Istat nel commercio sono il 61,1% dei lavoratori, con un impatto quindi pesante nella gestione familiare

Negozi aperti alla domenica sì o no: da un lato c'è chi pone l’accento sul diritto al riposo festivo, e al suo ruolo di coesione per le famiglie, dall’altro chi sostiene che le chiusure domenicali imposte per decreto diminuirebbero i posti di lavoro. Sicuramente chi ne fa maggiormente le spese sono le donne, figure cardine all’interno delle famiglie. Secondo i dati dell’Istat nella sua audizione alla Commissione Attività produttive della Camera sono infatti soprattutto le donne a lavorare la domenica nel settore del commercio. Le donne rappresentano infatti il 61,1% dei lavoratori domenicali rispetto a una quota media sul totale degli occupati pari al 47,8%. Inoltre, i lavoratori domenicali sono relativamente più giovani: il 42,9% ha meno di 35 anni rispetto a una presenza del 35,9% nella media del settore.

Circa un quarto delle persone di 15 anni e più (24,2%) - ha evidenziato ancora l'Istat - ha effettuato acquisti di beni e servizi nella giornata della domenica, quota più bassa rispetto agli altri giorni della settimana. Il sabato è il giorno con la più alta incidenza di acquirenti (51,9%), percentuale che scende al 43% nei giorni feriali.

Tuttavia nel decennio 2003-2014, la domenica risulta l'unico giorno in cui aumentano gli acquirenti. La crescita però è contenuta (poco meno di due punti percentuali) e concentrata quasi esclusivamente nel periodo 2003-2009 ed è anche facile intuire che si tratta di un aumento influenzato dalla crescente disponibilità di negozi aperti. I residenti del Centro Italia, con il 25,6%, si collocano sopra la media nazionale, mentre la quota scende al 23,1% per gli abitanti del Mezzogiorno. Osservando, invece, le aree urbane emerge che sono in misura maggiore i residenti nel centro delle aree metropolitane (25,6%) a effettuare acquisti domenicali rispetto a coloro che vivono nei comuni fino a 2.000 abitanti (21,6%).

Complessivamente il 27% delle persone occupate, con una leggera prevalenza degli uomini (28,4%), effettua acquisti la domenica rispetto a circa il 51% del sabato, giornata preferita, invece, dalle donne (58,9%).
 

Multimedia
','Orari e aperture domenicali: cosa fanno i Paesi europei')\">"); } else if (type == 5 || type == 20 || type == 27 || type == 36) { var script = $('#video-nav-5 figure a').first().attr('href').replace(", true", ", false"); eval(script); } fcfn.initSidebarThumbSlider('#video-nav-5', '#pagination-articolo-5', '400'); });
Orari e aperture domenicali: cosa fanno i Paesi europei
Correlati
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo