logo san paolo
mercoledì 08 luglio 2020
 
Chiedilo a Credere
 
Credere

«Portateveli in Vaticano!». Quando l’accoglienza fa paura

02/01/2020  Facciamo fatica a mettere in pratica la parola di Gesù che ci chiede di riconoscerlo nel più povero

C’è un nuovo peccato che gira nei confessionali. Le anime sensibili cominciano ad avvertire un certo disagio davanti alla difficoltà a condividere la grande apertura della Chiesa verso gli immigrati. L’accoglienza fa paura. Le persone, anche quelle più devote, hanno la sensazione di perdere qualcosa. Non si sentono più al centro. Le condizioni economiche precarie accentuano sicuramente questa fatica a riconoscere anche le esigenze degli altri.

Dentro il confessionale i credenti si riconoscono più egoisti e diffidenti. Dentro le comunità cristiane si rincorrono voci e preoccupazioni.

Alcuni mezzi di comunicazione strumentalizzano queste paure e fanno intravedere il rischio di un’invasione che ci porterà a perdere la nostra identità: questi stranieri sono troppo numerosi!

Parole queste che non possono non evocare quel conflitto narrato nei primi capitoli del libro dell’Esodo: gli Egiziani vedono crescere il numero degli Ebrei e hanno paura. Il Faraone decide perciò di inasprire le loro fatiche e di sterminare i loro figli maschi. Ma Dio ascolta il grido di quel popolo oppresso.

Tutta la Sacra Scrittura fa spesso ricorso all’immagine dello straniero, presentato come colui che ci mette in discussione: Gesù guarisce la figlia della donna Siro-fenicia, l’unico lebbroso che torna a ringraziare è un samaritano, come un samaritano è colui che si ferma davanti all’uomo mezzo morto. Alla fine del Vangelo di Marco, Gesù è riconosciuto solo da un centurione romano. Nell’Antico Testamento, come anche Gesù ricorda, il profeta Elia è inviato a una vedova straniera.

Purtroppo la politica strumentalizza – quando non la ignora – questa visione cristiana e la utilizza per giustificare strategie e finalità che hanno motivazioni differenti. Questa confusione rende ancora più difficile il discernimento del cristiano.

Al di là di queste paradossali convergenze, nel confessionale dobbiamo confrontarci con il Vangelo. Se la Chiesa deve annunciare il Vangelo, non può pronunciarsi diversamente. È vero, occorre riconoscerci peccatori quando facciamo fatica a mettere in pratica la parola di Gesù che ci chiede di riconoscerlo nel più povero, anche a costo di essere ingannati e di perdere noi stessi, proprio come ha fatto Lui.

I vostri commenti
0
scrivi
 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo
Collection precedente Collection successiva
FAMIGLIA CRISTIANA
€ 104,00 € 92,90 - 11%
CREDERE
€ 88,40 € 0,00 - 35%
MARIA CON TE
€ 52,00 € 39,90 - 23%
CUCITO CREATIVO
€ 64,90 € 43,80 - 33%
FELTRO CREATIVO
€ 23,60 € 18,00 - 24%
AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
€ 46,80 € 38,90 - 17%
IL GIORNALINO
€ 117,30 € 91,90 - 22%
BENESSERE
€ 34,80 € 29,90 - 14%
JESUS
€ 70,80 € 60,80 - 14%
GBABY
€ 34,80 € 28,80 - 17%
GBABY
€ 69,60 € 49,80 - 28%