logo san paolo
lunedì 18 ottobre 2021
 
 

Energia pulita, c'è chi dà i numeri

04/03/2011  Cifra per cifra, le dimensioni dell'energia verde in Italia. E i veri termini di una questione su cui è fin troppo facile sollevare polveroni.

Un complesso scolastico negli Usa "coperto" di pannelli solari.
Un complesso scolastico negli Usa "coperto" di pannelli solari.

La battaglia sugli incentivi alle rinnovabili scalda gli animi in Parlamento, tra i produttori (che chiederanno al presidente della Repubblica di non firmare il decreto del Governo che rinvia a maggio ogni decisione sull'entità degli incentivi) e anche tra i nostri lettori. Sul tema, però, è assai facile sollevare polveroni. Ci pare quindi utile fornire tutte le cifre corrette sulla questione.   

     Il prezzo scarso di un caffè con cornetto, ogni mese: 1 euro e 70 centesimi, a partire dal 2011. È quanto costerà in bolletta, a ogni famiglia italiana, lo sviluppo dell’energia solare nel nostro Paese se venissero confermati gli incentivi. Gli italiani pagano l’1,6% per il fotovoltaico contro l’8% dei tedeschi.   

     A fronte di questa spesa, i posti di lavoro creati dal fotovoltaico sono oggi 15 mila (lo stesso numero di addetti di una grande industria nazionale, come ad esempio la Barilla), e saliranno a un totale valutato tra 210 mila e 225 mila nei prossimi 9 anni. Infine, entro il 2020, l’energia dal sole produrrà 110 miliardi di euro in termini di ricchezza generale, portando alle casse dell’erario circa 50 miliardi di euro nei prossimi 30 anni. Un bel contributo in un periodo segnato da una dura crisi economica.  

     Secondo i produttori del solare, il decreto come approvato determinerebbe invece sin da subito effetti pesantemente negativi come il ricorso immediato alla cassa integrazione straordinaria (stimabile in oltre 10.000 unità direttamente impegnate nel settore), il blocco degli investimenti per i prossimi mesi di oltre 40 miliardi di euro, il blocco delle assunzioni e la perdita di qualificati posti di lavoro. Inoltre subiranno un blocco immediato gli ordinativi già in corso per un valore di circa 8 miliardi di euro e i contratti già stipulati per circa 20 miliardi di euro.   

I dati certificati    

     La situazione paradossale è che secondo il Governo bisognerebbe fermare la crescita del solare perché siamo stati troppo bravi, l’Italia starebbe per raggiungere l’obiettivo fissato dal Governo per il fotovoltaico, di 8.000 megawatt al 2020 già adesso. E' davvero così?  

     I dati dei produttori, confortati dalle ricerche di Credit Suisse, Morgan Stanley e Jefferies & Company, indicano una situazione sensibilmente diversa. Secondo le valutazioni di Asso Energie Future e Grid Parity Project, confermate da quelle dagli organismi internazionali e da Asso Solare, a metà 2011 si arriverebbe a 4.700 megawatt installati, non a 7.000. Per raggiungere la quota prevista dal GSE bisognerebbe infatti supporre che quasi tutte le richieste già presentate per ottenere gli incentivi 2010 si trasformino in impianti operativi al 30 giugno 2011.  

     Cosa è successo, allora? “Una parte delle richieste di incentivi è stata probabilmente avanzata da chi non aveva il diritto di farlo”, spiegano i presidenti di Asso Energie Future e Grid Parity Project. “Per accedere al secondo conto energia, più conveniente, sono state presumibilmente fatte delle dichiarazioni false o esagerate da alcuni furbi. Inoltre, la confusione è stata massima, soprattutto negli ultimi giorni: ci sono domande che sono arrivate e sono state registrate numerose volte. Anche il GSE sta rivedendo le stime, ma intanto il danno è fatto”.  

     Per colpa dei soliti furbi e della malavita che salta sul carro delle rinnovabili, come investe in qualsiasi settore promettente, rischiamo di bloccare la crescita del solare. Un po' come se – visto che i supermercati vengono a volte aperti per riciclare il denaro sporco – proibissimo per decreto l'apertura di nuovi supermercati.  

   

La polemica sui terreni agricoli

     Una delle polemiche che riguardano il fotovoltaico è poi la crescente occupazione di suoli agricoli. Eppure, solo un 50% di pannelli è stato installato a terra, il resto è stato costruito su tetti e coperture. Senza considerare che gli impianti a terra si fanno anche in aree industriali dismesse e non solo su suolo agricolo. “I terreni agricoli marginali sono adatti allo sviluppo del fotovoltaico. La perdita di terreni agricoli avviene purtroppo, ogni anno e in maniera irreversibile, per l'espandersi del cemento. Quanto al solare, sono occupati dai pannelli 4.800 ettari, a fronte di un milione di ettari non coltivati e di una superficie coltivabile pari a 13 milioni. Il problema quindi, se tale lo si può definire, riguarda lo 0,04% del terreno agricolo”, spiega Giuseppe Onufrio, direttore generale di Greenpeace Italia.  

     C’è anche da osservare che l’obiettivo fissato dal Governo per il fotovoltaico, 8.000 megawatt al 2020, è molto modesto: sarebbe in linea solo con un andamento mediocre del mercato che escluderebbe l’Italia dal gruppo dei Paesi in competizione per questo settore della green economy. Per avere un punto di paragone basta pensare che la Germania, un Paese che non ha certo più sole dell’Italia, si è data come target, per la stessa data, 52.000 megawatt e ha installato ad oggi 18.000 megawatt.  

     Già numerosi istituti di credito hanno fatto sapere che, per la confusione generata dal decreto adottato  dal Consiglio dei ministri, i finanziamenti necessari alle aziende e alle famiglie per installare un pannello fotovoltaico sono stati bloccati.  “Lo schema di decreto nel testo adottato dal Consiglio dei Ministri è palesemente illegittimo sotto il profilo costituzionale in quanto viola uno dei principi cardine del nostro ordinamento giuridico che è la certezza del diritto e la tutela dell’affidamento, ed è in contrasto altresì con le norme internazionali della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo. Inoltre è un atto arbitrario del Governo senza l’intesa delle Regioni che si sono pronunciate su un testo sostanzialmente diverso da quello approvato dal Consiglio dei ministri. Sono state inoltre violate le prerogative parlamentari e, in particolare, la delega conferita al Governo. In altre parole il Governo ha adottato un testo con finalità opposte a quelle fissate dal Legislatore”, ha detto Pietro Pacchione, consigliere delegato di APER, associazione che raccoglie 480 imprese operanti nel settore delle rinnovabili.

     Per finire: su quanto incidono le energie rinnovabili nella bolletta delle famiglie, consultate il pezzo già pubblicato in Famigliacristiana.it, intitolato "Tagli alle rinnovabili, indietro tutta".
    

I vostri commenti
22
scrivi

Stai visualizzando  dei 22 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 0,00 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 57,80 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    I LOVE ENGLISH JUNIOR
    € 69,00 € 49,90 - 28%