Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 18 maggio 2024
 
POLEMICA
 

Tutti contro Morandi perché compra il latte di domenica

21/09/2016  Il cantante per aver postato una foto mentre fa la spesa è stato ricoperto di insulti, eppure ha risposto con garbo. Perché tanto astio non è stato rivolto ai politici che da mesi fanno ammuffire in Parlamento la legge sulla regolamentazione dei negozi nei giorni festivi?

I "webeti", cioè le persone che usano i social per versare bile contro gli altri, specie se vip, secondo il fortunato neologismo coniato da Enrico Mentana, hanno colpito ancora e questa volta a farne le spese è stato Gianni Morandi. La sua colpa? Avere postato su Facebook una foto che lo ritraeva con la borsa della spesa in mano e il commento: "Buona domenica, ho accompagnato Anna (la moglie, ndr.)al supermercato". Lui è fatto così: a differenza di tanti altri colleghi, gli piace condividere la sua vita privata con il pubblico che per questo lo apprezza tantissimo: la sua pagina Facebook è seguita da oltre 2 milioni e 300 mila fan.

Ma questa volta, invece, è stato ricoperto da una valanga di insulti, da "vergognati" a "meriti un castigo". Il cantante non ha smentito la sua gentilezza. Ha risposto a tutti i commenti, anche ai più pesanti, con civiltà, confessando "non pensavo di mandare un messaggio così negativo" e promettendo alla fine di fare la spesa "solo nei giorni feriali".

Ora, la battaglia contro la liberalizzazione selvaggia degli esercizi commerciali è sacrosanta e noi l'abbiamo sostenuta con articoli e inchieste, a partire dalla campagna "Libera la domenica", lanciata dalla Cei e dalla Confesercenti e appoggiata dai sindacati,  che era riuscita a raccogliere  le 150 mila firme necessarie per presentare in Parlamento una proposta di legge. Legge che è poi approdata in Parlamento, è stata approvata alla Camera a larghissima maggioranza (283 sì, nessun no, 15 astenuti), ma da mesi giace in Senato. Il testo prevede l'obbligo di chiusura in 12 giornate festive e religiose (Capodanno, Epifania, 25 aprile, Pasqua, Pasquetta, 1 maggio, 2 giugno, Ferragosto, Ognissanti, Immacolata, Natale e Santo Stefano). Sarà però possibile per i negozianti di derogare dall'obbligo di chiusura, fino a un massimo di sei giorni, individuati liberamente tra i 12 indicati dal testo, previa comunicazione al Comune. Una regolamentazione minima, secondo la Confcommercio contro una liberalizzazione che è stata un vantaggio per i centri commerciali ma un disastro per i piccoli negozi.

Ecco ancora una volta il problema dei "webeti": dato che i loro unici canali di informazione sono i social,  credono alle bufale che circolano in giro (nei giorni del terremoto in Centro Italia ne abbiamo lette di tutti i colori) e sono sempre pronti a infilzare il vip di turno, spesso sbagliando bersaglio come in questo caso: anziché prendersela con Morandi, perché non hanno sfogato la loro indignazione contro i politici che da mesi fanno ammuffire una legge che loro stessi hanno approvato a larghissima maggioranza? Perché per farlo occorre informarsi, mentre per insultare qualcuno basta accodarsi al "webete" che ti ha preceduto.

Multimedia
','Orari e aperture domenicali: cosa fanno i Paesi europei')\">"); } else if (type == 5 || type == 20 || type == 27 || type == 36) { var script = $('#video-nav-5 figure a').first().attr('href').replace(", true", ", false"); eval(script); } fcfn.initSidebarThumbSlider('#video-nav-5', '#pagination-articolo-5', '400'); });
Orari e aperture domenicali: cosa fanno i Paesi europei
Correlati
I vostri commenti
2

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo