logo san paolo
martedì 11 agosto 2020
 
POLEMICA
 

Tutti contro Morandi perché compra il latte di domenica

21/09/2016  Il cantante per aver postato una foto mentre fa la spesa è stato ricoperto di insulti, eppure ha risposto con garbo. Perché tanto astio non è stato rivolto ai politici che da mesi fanno ammuffire in Parlamento la legge sulla regolamentazione dei negozi nei giorni festivi?

I "webeti", cioè le persone che usano i social per versare bile contro gli altri, specie se vip, secondo il fortunato neologismo coniato da Enrico Mentana, hanno colpito ancora e questa volta a farne le spese è stato Gianni Morandi. La sua colpa? Avere postato su Facebook una foto che lo ritraeva con la borsa della spesa in mano e il commento: "Buona domenica, ho accompagnato Anna (la moglie, ndr.)al supermercato". Lui è fatto così: a differenza di tanti altri colleghi, gli piace condividere la sua vita privata con il pubblico che per questo lo apprezza tantissimo: la sua pagina Facebook è seguita da oltre 2 milioni e 300 mila fan.

Ma questa volta, invece, è stato ricoperto da una valanga di insulti, da "vergognati" a "meriti un castigo". Il cantante non ha smentito la sua gentilezza. Ha risposto a tutti i commenti, anche ai più pesanti, con civiltà, confessando "non pensavo di mandare un messaggio così negativo" e promettendo alla fine di fare la spesa "solo nei giorni feriali".

Ora, la battaglia contro la liberalizzazione selvaggia degli esercizi commerciali è sacrosanta e noi l'abbiamo sostenuta con articoli e inchieste, a partire dalla campagna "Libera la domenica", lanciata dalla Cei e dalla Confesercenti e appoggiata dai sindacati,  che era riuscita a raccogliere  le 150 mila firme necessarie per presentare in Parlamento una proposta di legge. Legge che è poi approdata in Parlamento, è stata approvata alla Camera a larghissima maggioranza (283 sì, nessun no, 15 astenuti), ma da mesi giace in Senato. Il testo prevede l'obbligo di chiusura in 12 giornate festive e religiose (Capodanno, Epifania, 25 aprile, Pasqua, Pasquetta, 1 maggio, 2 giugno, Ferragosto, Ognissanti, Immacolata, Natale e Santo Stefano). Sarà però possibile per i negozianti di derogare dall'obbligo di chiusura, fino a un massimo di sei giorni, individuati liberamente tra i 12 indicati dal testo, previa comunicazione al Comune. Una regolamentazione minima, secondo la Confcommercio contro una liberalizzazione che è stata un vantaggio per i centri commerciali ma un disastro per i piccoli negozi.

Ecco ancora una volta il problema dei "webeti": dato che i loro unici canali di informazione sono i social,  credono alle bufale che circolano in giro (nei giorni del terremoto in Centro Italia ne abbiamo lette di tutti i colori) e sono sempre pronti a infilzare il vip di turno, spesso sbagliando bersaglio come in questo caso: anziché prendersela con Morandi, perché non hanno sfogato la loro indignazione contro i politici che da mesi fanno ammuffire una legge che loro stessi hanno approvato a larghissima maggioranza? Perché per farlo occorre informarsi, mentre per insultare qualcuno basta accodarsi al "webete" che ti ha preceduto.

Multimedia
','Orari e aperture domenicali: cosa fanno i Paesi europei')\">"); } else if (type == 5 || type == 20 || type == 27 || type == 36) { var script = $('#video-nav-5 figure a').first().attr('href').replace(", true", ", false"); eval(script); } fcfn.initSidebarThumbSlider('#video-nav-5', '#pagination-articolo-5', '400'); });
Orari e aperture domenicali: cosa fanno i Paesi europei
Correlati
I vostri commenti
2
scrivi

Stai visualizzando  dei 2 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo
    Collection precedente Collection successiva
    FAMIGLIA CRISTIANA
    € 104,00 € 92,90 - 11%
    CREDERE
    € 88,40 € 0,00 - 35%
    MARIA CON TE
    € 52,00 € 39,90 - 23%
    CUCITO CREATIVO
    € 64,90 € 43,80 - 33%
    FELTRO CREATIVO
    € 23,60 € 18,00 - 24%
    AMEN, LA PAROLA CHE SALVA
    € 46,80 € 38,90 - 17%
    IL GIORNALINO
    € 117,30 € 91,90 - 22%
    BENESSERE
    € 34,80 € 29,90 - 14%
    JESUS
    € 70,80 € 60,80 - 14%
    GBABY
    € 34,80 € 28,80 - 17%
    GBABY
    € 69,60 € 49,80 - 28%