Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
domenica 19 maggio 2024
 

Domenica 14 aprile 2024 - III di Pasqua

Il brano di Vangelo tratto da Giovanni ci conduce dentro il Cenacolo. L’annuncio della propria partenza fatto da Gesù nel contesto dell’ultima cena ha profondamente scosso i discepoli. Lo sconforto provato, però, può essere vinto dalla fiducia. Devono affidarsi al Padre continuando a credere al Figlio, trasformando la loro fede vacillante in qualcosa di compiuto. Gesù annuncia che lascerà questo mondo, ma la sua dipartita appare come un’ottima notizia, perché è il preludio al suo ritorno alla «fine dei tempi». La morte di Gesù, dunque, non chiude l’esperienza dell’essere suoi discepoli, anzi, apre lo spazio a un nuovo tratto di percorso in cui vivere un rapporto eterno e indistruttibile con la sua persona. Nel momento in cui Gesù si separa dai suoi, non indica una “via” da percorrere su cui continuare a seguirlo, Lui stesso “diventa la Via”.

La metafora della “via” allude al tema del senso dell’esistenza, rispetto al quale Giovanni afferma che solo nella persona di Cristo e nel rapporto con Lui si viene a capo del significato fondamentale della vita. Gesù è presenza di Dio e, proprio per questo, è anche l’unico capace di aprirne il senso e di introdurre nella «vita piena».

Il malinteso di Filippo («Mostraci il Padre») permette un chiarimento ulteriore di tutto ciò. Il tempo trascorso con i discepoli è stato per Gesù un tempo di manifestazione e rivelazione: nella sua carne, nelle sue parole, nella sua umanità hanno potuto vedere il Padre e toccare con mano il suo essere «via, verità e vita». Questo perché c’è identità tra le parole e le opere di Gesù e quelle del Padre. Il Figlio è l’Inviato dal Padre, non pronuncia parole proprie né compie azioni che non siano quelle di chi l’ha mandato.

Ma come, dove e quando si potrà vedere il Padre se, con la sua partenza, non sarà più data la possibilità di ascoltare le parole di Cristo e vedere le sue opere? Dopo la Pasqua sarà la testimonianza dei discepoli a dare continuità. Essi compiranno le sue opere e ne faranno anche di maggiori. L’espressione «opere più grandi di queste» non va però intesa nel senso di atti più maestosi, estesi, potenti o efficaci. Piuttosto, suggerisce che l’agire dei discepoli dovrà essere in stretta continuità con quello di Gesù. Il protagonista resterà lui, che proseguirà la sua azione attraverso i discepoli.

Il racconto di Atti ce ne offre un esempio. Paolo e Sila subiscono le conseguenze della loro azione apostolica finendo in carcere dopo essere stati percossi a bastonate. Trovatisi inaspettatamente nelle condizioni di poter fuggire, si mostrano più preoccupati della vita del carceriere che della propria libertà, fermandolo nelle sue intenzioni suicide. L’uomo, colpito dall’evento e dall’umanità dei prigionieri, si dimostra aperto al loro credo che non esitano a condividere con lui e con il resto della famiglia. La continuità tra l’azione di Paolo e Sila e lo stile di Gesù è evidente e l’immagine limpidamente evangelica del carceriere che cura le loro ferite e li accoglie come fossero familiari ne è la conferma più bella.


11 aprile 2024

 
Pubblicità
Edicola San Paolo