Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
sabato 25 maggio 2024
 

III Domenica di Quaresima (anno B) - 3 marzo 2024

Memoria e fede nella Parola di Gesù

 

Allora fece una frusta di cordicelle e scacciò tutti fuori dal tempio, con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiamonete e ne rovesciò i banchi, e ai venditori di colombe disse: «Portate via di qui queste cose e non fate della casa del Padre mio un mercato!».

Giovanni 2,15-16

 

Prosegue il percorso quaresimale: protagonista è oggi la Legge santa del Signore, che «è perfetta, rinfranca l’anima» (Salmo 18, Responsorio). La I lettura ci offre il testo capitale di Esodo 20, che conserva, nel contesto del “grande Codice dell’Alleanza” (Esodo 20-24), il “decalogo”, le Dieci «Parole» che «Dio pronunciò tutte» di fronte a Mosè, sul Sinai, per suggellare la scelta del popolo prediletto, con cui il Signore fa memoria del Bene compiuto e si presenta come Colui che per primo è amante, fedele e affidabile, l’Unico Dio che rende liberi, che «ha fatto uscire» Israele «dal Paese di Egitto e dalla condizione di schiavi».

Su questa fedeltà, che è di Dio, che ci precede e ci soccorre sempre, si fonda in ogni tempo la fede del popolo che Egli si è scelto, la discendenza innumerevole promessa ad Abramo e Sara in Isacco, rinnovata e salvata «in Spirito Santo e fuoco» (Luca 3,16) nell’acqua nuova del Battesimo, attraverso il sacrificio del Figlio, memoriale vero ed eterno. La Legge, la Torah nella tradizione ebraica, non è un insieme sterile di vincoli e “comandi”, ma è “Parola” che dà vita, “Luce”, «lampada» che illumina i passi e guida il cammino (cfr. Salmo 119,105). La relazione con il Dio di Abramo, di Isacco e di Giacobbe, il Dio dei vivi e non dei morti (cfr. Luca 20,37-38), è una relazione liberante, di figli e non di sudditi, di amici e non di schiavi, intima come quella della sposa con lo sposo; questa relazione di amore ci è stata rivelata pienamente da Gesù, il «Cristo crocifisso, scandalo per i giudei, stoltezza per i pagani, ma per coloro che sono chiamati, sia giudei che greci, potenza di Dio e sapienza di Dio» (II lettura, 1Corinzi 1,22-25): «Chiunque crede in Lui ha la vita eterna» (acclamazione al Vangelo).

Proprio la fede è al centro dell’episodio evangelico che oggi è offerto alla nostra meditazione: Gesù mostra il suo sdegno verso quanti vivono nella Casa di Dio ma non rispettano la santità del luogo e non hanno una vera fede, perché continuano ad anteporre a Lui, autore della Vita, i propri interessi contingenti. È necessario un attento discernimento per stanare le opere del demonio, che possono svolgersi indisturbate anche in luoghi di fede, e ci fanno venire a patti con ciò che è caduco, ingannevole, incapace di dare vita: mentre gli interlocutori di Gesù mostrano di non avere fede in Lui, gli chiedono «un segno per fare queste cose» e non comprendono la profezia di Risurrezione che Egli offre come risposta, i discepoli, che hanno con Lui una relazione personale e concreta, riconoscono nel suo operato il rispetto della Legge di Dio, Parola potente e vivificante, e possono comprendere che Egli è manifestazione della Verità del Padre.

Saranno loro a «ricordare», dopo la Risurrezione, l’episodio del Tempio e quello «che Lui aveva detto»; saranno loro a «credere alla Scrittura e alla Parola detta da Gesù», e a custodire la fede di tutti con la loro esperienza di fede. E noi, siamo capaci di fare memoria del Bene vissuto e di credere alla Parola potente del nostro Salvatore?

 


29 febbraio 2024

Tag:
 
Pubblicità
Edicola San Paolo