logo san paolo
giovedì 29 febbraio 2024
 
Noi donne oggi Aggiornamenti rss Suor Eugenia Bonetti

Quei migranti li conoscevo bene

Uno dei barconi di migranti in arrivo a Lampedusa.
Uno dei barconi di migranti in arrivo a Lampedusa.

Sentendo nei giorni scorsi la notizia terribile del naufragio di un’imbarcazione di migranti partita dalla Libia, con oltre duecento morti nelle acque del nostro Mediterraneo, non ho potuto che provare sconcerto e cordoglio. Mi ha colpito molto sapere che tra di loro c’era anche una donna somala incinta di otto mesi che si è salvata miracolosamente.

     Donne, uomini, ragazzi come questi, che hanno perso la vita mentre ne cercavano una migliore, li avevo conosciuti, poco più di un anno fa, proprio in Libia. E in particolare nelle prigioni di questo Paese, dove ha incontrato molti migranti subsahariani. Quando hanno sentito parlare dell’Italia si sono illuminati. Per loro il nostro Paese, o l’Europa più in generale, rappresentano la terra promessa, un sogno di libertà, emancipazione, progresso. Il sogno di una vita diversa.

     È un grande miraggio: non si rendono conto esattamente dei contorni e del caro prezzo che devono pagare. E che stanno già pagando. Spesso sono i trafficanti di esseri umani o altri migranti che, tornando in patria, esibiscono soldi, potere, ricchezza e contribuiscono ad alimentare questo sogno. Un sogno che coltivano anche all’interno di quelle prigioni, nonostante le orribili condizioni in cui sono costretti a vivere. Ma forse è proprio quel sogno che li aiuta a non lasciarsi andare e a non perdere la speranza in una vita diversa. La nostra rete di religiose che è presente anche in Libia, sta cercando offrire assistenza e accompagnamento specialmente alle donne che arrivano in questo Paese attraverso il deserto del Sahara, molte delle quali in stato di gravidanza e bisognose di tutto, dall’alloggio all’assistenza sanitaria, o per aiutarle, in alcuni casi, a tornare indietro, a casa loro.

     Ma anche qui in Italia dobbiamo ancora lavorare molto per una cultura dell’accoglienza. E ancor prima per cambiare lo sguardo rispetto a queste persone: affinché non siano guardate e giudicate in prima istanza come “invasori”, clandestini, criminali o peggio ancora. Ma, appunto, come persone, esseri umani con la loro dignità.    


13 aprile 2011

 
Pubblicità
Edicola San Paolo