Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
venerdì 12 aprile 2024
 
Chiedilo a Credere
 
Credere

Il mistero di Dio non è un enigma...

27/04/2023  Il Mistero dei cristiani non vuol dire "spegni il cervello e credi alla cieca". La non è un segreto ma una inesauribile profondità

Quando ero studente di teologia, ho fatto un mese di studio di lingua francese con studenti internazionali ad Angers, in Francia. Durante una conversazione a ruota libera con alcune tutrici francesi, una ragazza americana, protestante, disse: «Sono andata in Chiesa qui. Sono rimasta affascinata dai canti e dalle preghiere. Purtroppo non capisco bene». E una delle ragazze le rispose: «Non è la lingua che capisci, ma la cosa in sé è incomprensibile. I cristiani ci dicono che tutto è mistero!». Purtroppo, la tutrice diceva una cosa che si sente spesso dire e che diventa una scappatoia dalla spiegazione e dall’approfondimento. «È un mistero» diventa sinonimo di «spegni il cervello e credi alla cieca». Eppure, la fede non è fideismo ed essere credenti non è essere creduloni.

Vi avevo promesso di parlare in alcune puntate del mistero della salvezza e ci tenevo, prima di toccare queste categorie, di metterci nello spirito giusto. Innanzitutto, mistero non significa enigma. L’enigma resta insoluto. Il mistero, invece, è inesauribile. Comprendi qualcosa, ma non è tutto finito, perché non finisci di comprendere cose nuove e in modo sempre nuovo. Il mistero non è la nebulosa incomprensibilità, ma è una luce infinita. Il mistero, nel cristianesimo «non indica un contenuto inaccessibile e segreto, ma un’inesauribile accessibilità e profondità» (Jürgen Werbick). Niente come la persona di Gesù può spiegare meglio il senso del mistero. Gesù è il novum, la novità di Dio, una novità che rinnova tutte le cose e ci presenta Dio in maniera nuova. Sovente, ricorriamo alle cose passate e che conosciamo per interpretare le novità.

Quando gli apostoli e i primi cristiani sono stati stravolti dall’evento Gesù Cristo – e specialmente dal mistero pasquale, ovvero, la sua morte e la sua risurrezione – si sono trovati davanti a una novità inaudita. Per questo hanno fatto ricorso a ciò che sapevano per spiegarne il senso. E così, hanno usato categorie come quella del sacrificio per interpretare la morte di Gesù e la redenzione. Tanti oggi, purtroppo, conoscono e usano soltanto questa categoria per spiegare la morte e la risurrezione di Gesù. Ma, in realtà ci sono tante altre categorie e analogie utili, anzi, necessarie per spiegare il mistero. Vi do appuntamento per la prossima volta per parlare della prima di queste categorie: la salvezza come illuminazione!

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo