Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
martedì 23 luglio 2024
 
 

Imu, la mina vagante della politica

01/12/2013  L'Imu è diventata l'araba fenice della politica italiana: la sua abolizione era stata posta da Berlusconi come condizione di sopravvivenza del governo Letta, ora gli equilibri sono diversi, ma la tassa sulla casa continua a far discutere.

Strano destino quello dell’Imu, la tassa sulla casa destinata a risorgere dalle sue ceneri e costare ancora di più, ormai incontrollata e incontrollabile anche politicamente. Berlusconi aveva individuato la sua soppressione come punto irrinunciabile dell’appoggio al governo di Enrico Letta. Era il punto centrale: via l’Imu o ce ne andiamo. Il capo del Governo aveva dovuto sopprimerne almeno il nome, reperire risorse e accontentarlo suo malgrado per non scivolare nel tranello del Cavaliere. Ma visti gli aumenti delle nuove tasse sulla casa inseriti nella legge di stabilità è sembrato un gioco delle tre tavolette.

Oggi che i rapporti di forza nel governo sono ben diversi, con un Pd praticamente egemone appoggiato da partitini minori (quel che resta di Scelta Civica e quel che resta del Pdl) l’Imu continua  a fare discutere.  Come è noto il Pd non ha mai digerita la soprressione di questa patrimonilalina e ha dovuto far buon viso a cattivo gioco. A difendere la sua abrogazione sono soltanto gli alfaniani (celebre la sua frase “missione compiuta dopo la cancellazione della prima tranche, quando non era ancora diversamente berlusconiano). Paradossalmente, i falchi di Forza Italia dicono che l’Imu è ancora presente sotto mentite spoglie. Oltretutto in molti Comuni i cittadini si preparano a pagare la differenza di aliquota che il Governo non è in grado di coprire del tutto (oltretutto senza avere diritto alle detrazioni per i figli a carico). L'effetto politico insomma non si vedrà. Insomma, un pasticcio mai visto, che non porta nemmeno consensi a chi si è proposto di abrogarla.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo