Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 27 maggio 2024
 
Il Teologo
 

Qual è il significato della resurrezione dei morti

20/04/2020 

VITTORIO Z. - Chiedo di chiarirmi il concetto di “risurrezione dei morti” e se riconoscerò mia moglie tumulata nella tomba di famiglia in cui andrò.

Farsi tumulare accanto alla persona amata è un bel gesto, che ha valore di segno non tanto per chi ha lasciato questa vita, ma per i sopravvissuti che potranno così, visitando i luoghi della sepoltura, ricevere testimonianza dell’amore che ha legato i cari defunti. Fondamentale è per noi la risposta data da Gesù ai sadducei che non credevano nella resurrezione: «Quando risusciteranno dai morti, infatti, non prenderanno moglie né marito, ma saranno come angeli nei cieli» (Mc 12, 25). Gesù non ha detto che non ci saranno mogli e mariti, ma che «non prenderanno moglie o marito», il che ci porta a dedurre che regnerà l’amore, ma non un amore universale e indifferenziato, tale da impedirci di riconoscere la persona amata, tanto più se, trattandosi di amore autentico, è infinito ed eterno. E questo perché prima di essere mogli o mariti, preti o vescovi, siamo persone nel Regno di Dio, che comincia qui e ora, come afferma Paolo (Gal 3,28): non c’è più uomo né donna, schiavo o libero, giudeo o greco. Del resto, i sacramenti ci sono dati per questa vita e non ci saranno nella resurrezione. E se non ci saranno mogli e mariti, ma neppure preti e vescovi, non possiamo non pensare che, invece, ci sia l’amore autentico sperimentato in questa vita e destinato all’altra, in quanto nel regno dei cieli non saremo irriconoscibili, tant’è vero che, anche oggi, riconosciamo i santi coi loro volti, i loro nomi, le loro storie di vita e i loro legami.

 
 
Pubblicità
Edicola San Paolo