Contribuisci a mantenere questo sito gratuito

Riusciamo a fornire informazione gratuita grazie alla pubblicità erogata dai nostri partner.
Accettando i consensi richiesti permetti ad i nostri partner di creare un'esperienza personalizzata ed offrirti un miglior servizio.
Avrai comunque la possibilità di revocare il consenso in qualunque momento.

Selezionando 'Accetta tutto', vedrai più spesso annunci su argomenti che ti interessano.
Selezionando 'Accetta solo cookie necessari', vedrai annunci generici non necessariamente attinenti ai tuoi interessi.

logo san paolo
lunedì 20 maggio 2024
 
Il teologo risponde
 

Sono leciti i gesti di intimità tra i coniugi?

14/03/2018 

LETTERA FIRMATA - Prima di unirci nell’intimità io e mio marito ci accarezziamo e stimoliamo a vicenda nelle parti intime. È lecito per la Chiesa?

Quando si parla di unione intima non si intende solo il gesto in cui l’uomo e la donna diventano anche fisicamente “una sola carne”, ma pure tutti quelli che precedono, accompagnano e seguono l’unione intima. È un’unione umana dettata dall’amore e non solo dall’istinto, e quindi deve essere realizzata con atteggiamenti che esprimono anche fi sicamente tenerezza, dolcezza, affettuosità, attrazione, piacevolezza, donazione di sé all’altro e che preparano e seguono l’unione intima. La sapienza divina ha messo anche nella corporeità dei coniugi la possibilità di rendersi felici e di legarsi ancor più tra loro con gesti che procurano gioia e unione, e i coniugi devono sapere manifestare e accogliere tutti quegli atti che rendono più umano e piacevole il gesto fi nale dell’intimità. E ringraziarne Dio, come voi fate. L’unico limite è non fare richieste sgradite al coniuge, o trattare il coniuge come strumento per il proprio piacere. La corporeità è per l’amore, con piacere, e non per il piacere che sacrifi ca l’amore.

I vostri commenti
33

Stai visualizzando  dei 33 commenti

    Vedi altri 20 commenti
    Policy sulla pubblicazione dei commenti
    I commenti del sito di Famiglia Cristiana sono premoderati. E non saranno pubblicati qualora:

    • - contengano contenuti ingiuriosi, calunniosi, pornografici verso le persone di cui si parla
    • - siano discriminatori o incitino alla violenza in termini razziali, di genere, di religione, di disabilità
    • - contengano offese all’autore di un articolo o alla testata in generale
    • - la firma sia palesemente una appropriazione di identità altrui (personaggi famosi o di Chiesa)
    • - quando sia offensivo o irrispettoso di un altro lettore o di un suo commento

    Ogni commento lascia la responsabilità individuale in capo a chi lo ha esteso. L’editore si riserva il diritto di cancellare i messaggi che, anche in seguito a una prima pubblicazione, appaiano  - a suo insindacabile giudizio - inaccettabili per la linea editoriale del sito o lesivi della dignità delle persone.
     
     
    Pubblicità
    Edicola San Paolo