logo san paolo
lunedì 22 aprile 2019
 
Autore

Visualizzazione dei contenuti di Annachiara Valle

Articolo

"Cessi la corsa agli armamenti". Preghiera per lo Sri Lanka

21 aprile 2019

Nel consueto messaggio prima della benedizione, papa Francesco ricorda i Paesi che vivono situazioni di conflitti e guerre e chiede che si fermi la corsa agli armamenti e la diffusione delle armi. Un particolare pensiero va alle popolazioni dello Sri Lanka dove proprio stamattina diversi attentati in chiese e hotel hanno causato la morte di centinaia di persone. 

Articolo

"Il Signore non abita nella rassegnazione. È risorto"

20 aprile 2019

«Perché cercate tra i morti colui che è vivo?». Papa Francesco ricorda, nella veglia della notte di Pasqua, che non dobbiamo pensare «che tutto sia inutile, che nessuno possa rimuovere le vostre pietre. Perché cedete alla rassegnazione e al fallimento? Pasqua, fratelli e sorelle, è la festa della rimozione delle pietre. Dio rimuove le pietre più dure, contro cui vanno a schiantarsi speranze e aspettative: la morte, il peccato, la paura, la mondanità». La nostra vita non sbatte contro una pietra sepolcrale anche quando «siamo tentati di giudicare tutto sulla base dei nostri insuccessi».

Articolo

"Che il Signore ci aiuti a vedere le croci del mondo"

19 aprile 2019

Al termine della via Crucis papa Francesco prega intensamente perché tutti noi possiamo vedere le nuove croci che gravano sull'umanità compresa quella "della nostra casa comune che appassisce seriamente sotto i nostri occhi egoistici e accecati dall’avidità e dal potere". 

Articolo

Mercy e le altre, dalla schiavitù della tratta alla vita

18 aprile 2019

Suor Eugenia Bonetti ha scritto le meditazioni per la Via Crucis che papa Francesco guida il 19 aprile al Colosseo. Una riflessione sulle donne schiave, una chiamata alla responsabilità per mettere fine al dramma di tante giovani.  La sua storia, la sua lotta, la sua missione tra le ragazze nel numero 16 di Famiglia Cristiana

Articolo

Sud Sudan, in ginocchio per la pace

11 aprile 2019

Papa Francesco conclude la due giorni di ritiro spirituale per il martoriato Paese africano e bacia i piedi ai leader-rivali, che, dal 2013, hanno provocato nel Paese 400 mila morti e oltre 4 milioni di sfollati. "La pace è possibile", dice loro incitandoli a cercare "ciò che unisce".

Edicola San Paolo